Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Luglio 2018 - Aggiornato alle 18:40
RAGUSA - 19/12/2017
Sport - Calcio, Eccellenza/B: gli azzurri chiudono al terzultimo posto i girone di andata

Ragusa, tifosi in soccorso. Società ancora inesistente

Contro la capolista in panchina solo tre elementi, per Raciti tutto diventa difficile Foto Corrierediragusa.it

I tifosi in soccorso del Ragusa ma serve ben altro. Lodevole l’iniziativa di un gruppo di tifosi che hanno avviato una campagna di sostegno per la società azzurra proponendo una tessera abbonamento per il resto del campionato a 10 euro. Un sostegno più morale che sostanziale perché la società azzurra ha bisogno di riosrse economiche ed umane. Pur avendo concluso formalmente il passaggio dall’ex presidente Vitale a Franco Pluchino, passato da direttore sportivo a direttore e generale ed ora a presidente, la situazione resta confusa perché on si vedono segnali concreti dopo cinque mesi di attività.

Il Ragusa è senza dirigenti e se non fosse per la buona volontà e l’abnegazione di Franco Pluchino e dell’allenatore Filippo Raciti ci sarebbe poco, o nulla, da prendere. La squadra si batte, come ha fatto contro la capolista Città di Messina sul campo di Mili (nella foto il gol decisivo), ma è ai minimi termini. In molti se ne sono andati, ci sono giovani di belle speranze, tra cui il portierino Cilmi, classe 2000, ma la verità è che Raciti a Mili aveva in panchina appena tre giocatori. Difficile in queste condizioni andare avanti anche se sono state conclusi gli acquisto di Bronholo, andato già in campo, e di Di Stefano. Serve ben altro anche perché la situazione in classifica è precaria. Terzultimo posto e zona retrocessione con tutte le altre squadre che si stanno rafforzando. Ragusa, se ci sei batti un colpo!.

E’ successo domenica:
Città di Messina-Città di Ragusa 1-0
Marcatori: 9′ pt Rasà

Città di Messina: Paterniti, Silvestri, Ginagò, Porcino, Filistad, Fragapane, Costa, Calcagno (36′ st Quintoni), Rasà (24′ st La Corte), Lo Giudice (44′ st Princi), Cardia Allenatore: Furnari

Ragusa: Di Martino, La Vaccara (22′ pt La Carrubba, 33′ st Cilmi), Russo, Marchese, Caruso, Criscione, Bonolo, Baki, Manfrè, Zangara, Ascia. Allenatore: Raciti

Arbitro: Gulisano di Acireale
Note: Espulso Di Martino al 32’ st, Costa (CdM), La Corte (CdM), La Vaccara (R)


Il Ragusa tiene il campo contro la capolista ma esce sconfitto dal Garden di Mili . Un gol all’inizio della gara condanna gli azzurri che si sono battuti col cuore anche quando sono rimasti in dieci a 13’ dalla fine per l’espulsione di Di Martino autore di un fallo da ultimo uomo. Nonostante una formazione rimaneggiata, appena 4 uomini in panchina, il Ragusa si è battuto a viso aperto ma contro la capolista ci voleva ben altro oltre a tanta buona volontà e abnegazione. Ha esordito il brasiliano Bonolo ma si vede che deve ancora lavorare e inserirsi nel gruppo. Si è giocato in un pomeriggio ventoso e senza spettatori per l’inagibilità dell’impianto sportivo. Il Città di Messina è partito subito veloce creando un paio di buone occasioni.

Dopo 5’ i locali si affacciano in zona Di Martino con il tiro-cross di Cardia che si perde sul fondo. Tre minuti più tardi il destro di Calcagno costringe l’estremo difensore del Ragusa al corner. Cardia allunga la palla dall’angolo e la mette sul secondo palo favorrendo la conclusione con il destro di Costa, Di Martino ribatte in qualche modo e Rasà da due passi insacca facilmente. Ragusa in difficoltà soprattutto perché perde dopo 18’ La Vaccara per infortunio. Al 28′ gli azzurri trovano la prima occasione con un calcio d’angolo dalla sinistra respinto corto dalla difesa del Città, al limite dell’area Manfrè tira secco e sfiora il palo.

Al rientro dal riposo dopo 8’ Ragusa vicinissimo al pari. Cross dalla sinistra di Russo, girata aerea di Zangara e miracolo di Paterniti. Città che sfiora il raddoppio al 9′ quando Costa e Cardia confezionano l’ennesimo recupero a centrocampo, il capitano serve Lo Giudice che incrocia col mancino trovando il palo. A 15′ dalla fine Silvestri lancia con un colpo di testa Cardia che di prima intenzione serve La Corte, che viene falciato in area da Di Martino. Rigore sacrosanto e Ragusa in 10. Sul dischetto Lo Giudice ma il neo-entrato Cilmi para ripetendosi dopo Paternò. Il Ragusa non ce la fa più anche per l’inferiorità numerica e consegna i 3 punti ai peloritani.

I risultati della 15ma di andata (17 dic. 2017):
Città di Messina-Ragusa:1-0
Atl. Catania-Biancavilla:0-9
Avola-Camaro:0-5
Adrano-Caltagirone:1-3
Giarre-S. Pio X:3-0
Rosolini-S. Agata:2-5
Scordia-Pistunina:3-2
Paternò-Real Aci:2-1

La classifica:
Città di Messina 35
Biancavilla 34
S. Agata 31
Scordia 29
Giarre 28
Camaro 27
Rosolini 26
Paternò 24
S. Pio X 17
Pistunina 14
Caltagirone 13
Avola 12
Atl. Catania 12 (-1)
Ragusa 8
Adrano 8
Real Aci 7