Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 22 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 19:59 - Lettori online 611
RAGUSA - 19/12/2017
Sport - Calcio, Prima Categoria: si è giocata l’11ma giornata prima della pausa natalizia

Pro Ragusa e Atletico Scicli in testa, iblee col vento in poppa

La crisi dell’ex capolista Canicattini rilancia le ambizioni delle formazioni ragusane Foto Corrierediragusa.it

Giornata positiva per tutte le iblee. Sono tutte vittorie nell’11ma giornata e soprattutto una copia al vertice della classifica. Pro Ragusa (nella foto la formazione) e Atletico Scicli hanno infatti scavalcato l’ex capolista Canicattini in piena crisi. La squadra siracusana non si è addirittura presentata sul campo del Portopalo ed è stata penalizzata di un punto. Campionato riaperto dunque che parla tutto ragusano. Il Pro Ragusa ha vinto di misura in rimonta sul Noto. La squadra di Cervillera ha anche inserito in rosa Bufalino e Militello e vuole puntare alla promozione. Il Noto era andato in vantaggio ma una doppietta di Puma nel secondo tempo ha rimesso i neroverdi in carreggiata.

Vince anche l’Atletico Scicli in extremis con un gol di Donzella che consente di appaiare il pro ragusa in testa. Il Ferla, nonostante in dieci, ha recuperato su rigore il vantaggio locale di Vindigni ed ha poi piazzato la zampata decisiva. Il Pozzallo vicine in trasferta sul campo del Militello con gol del solito Caccamo e del neo acquisto Paolino. Ora la squadra di Spadola insegue a tre punti la copia di testa. Ben anche la Virtus Ispica che supera di misura il Vizzini. E’ stato Traore a dare i 3 punti alla squadra di Orlando che ora può lavorare con più serenità. Alla ripresa delle ostilità dopo le vacanze natalizie spicca Pozzallo-Pro Ragusa e Canicattini-Atletico Scicli ma per i canarini la crisi societaria sembra avere ormai il sopravvento.