Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 17 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06 - Lettori online 552
RAGUSA - 05/12/2017
Sport - Basket, A1: Schio ha chiuso in testa la prima parte del campionato, solo una sconfitta

Passalacqua solo quinta alla fine del girone di andata

Quattro sconfitte hanno pesato sull’economia della classifica, mancata la Final four Foto Corrierediragusa.it

Il girone di andata consegna una Passalacqua al quinto posto e fuori dalla Final four. I numeri sono impietosi perché dicono che le biancoverdi hanno v perso 4 partite su 9, di cui tre con le prime quattro squadre in classifica. Solo con Venezia la Passalacqua ha prevalso ma ciò non è valso a conquistare il posto per giocarsi la Coppa Italia. E’ il peggior risultato sportivo da quatrro anni a questa parte, da quando la Passalacqua milita in A1 anche se per tirare le somme biosgnerà attendere l’evoluzione della stagione e del campionato in particolare. Tutto è infatti in discussione ma è chiaro che la leadership, ancora una volta, è nelle mani della capolista Schio, solo una sconfitta, mentre Lucca si è confermata e Venezia insieme a S. Martino sono le sorprese.

Dice coach Recupido: «Se devo fare qualche prima valutazione sulle altre formazioni al termine di questa prima parte di stagione, mi viene da dire che sicuramente Lucca, nonostante abbia cambiato tantissimo, resta sempre la squadra che conserva quell’anima che le ha permesso di vincere lo scudetto lo scorso anno e dunque contro le toscane non sarà facile vincere per nessuno, e posso dire che Schio è ancora la squadra da battere, avendo giocatrici come Yacobou e Anderson che sono una spanna sopra tutte, Zandalasini che è un talento internazionale e Macchi che può dare minuti di assoluta qualità e che rappresenta un faro per le compagne».

La Passalacqua ha pagato oltremisura un avvio incerto dovuto ad infortuni e al ritardato inserimento di Hamby e Ndour. Nell’economia di questa prima fase ha pesato la sconfitta d’esordio con Torino perché mancano proprio quei due punti che avrebbero consentito di appaiare Venezia, Lucca e S. Martino. La società può consolarsi con il brillante inserimento di Hamby e Kuster e con la conferma delle qualità tecniche ed agonistiche di Consolini e il nucleo delle altre italiane. In Eurocup la Passalacqua è uscita imbattuta dal suo girone ma è anche vero che portoghesi, ceche e ungheresi erano ben al di sotto del quintetto ibleo che ora attende gli ottavi per misurarsi con quintetti più impegnativi.