Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 11:27 - Lettori online 587
RAGUSA - 02/10/2017
Sport - Pallamano, A1: sul parquet di Conversano hanno pesato anche le assenze

Pallamano Ragusa, severa batosta contro Junior Fasano

Coach Russo non fa drammi. "Il nostro obiettivo è la salvezza" Foto Corrierediragusa.it

Junior Fasano-Pallamano Ragusa: 51-19 (27-4 pt)

Una brutta batosta per la Pallamano Ragusa (foto) sul parquet del palazzetto di Conversano dove ha incontrato il Fasano. I pugliesi sono tra i più accreditati per le prime posizioni mentre i ragusani sono matricola del campionato e devono raggiungere la salvezza per cui il divario è emerso in modo evidente. Nel primo tempo, chiuso con il risultato di 27-4, ai ragusani nulla è riuscito per il verso giusto. In più mancavano alcuni elementi in difesa. E nel contesto di una giornata storta queste carenze si sono fatte sentire più del dovuto.

«Non può naturalmente essere una scusante quella delle assenze –dice il tecnico Salvatore Russo – avremmo perso comunque, magari con uno scarto minore, ma contro una Junior Fasano in grande spolvero le nostre chances erano pressoché inesistenti. E’ chiaro che non piace a nessuno essere battuti in questo modo. Ora mi toccherà far ritrovare le giuste motivazioni all’intero gruppo. Anche perché fin qui, a parte l’esordio a Gaeta, che avrebbe potuto avere un andamento differente se ci avessimo creduto un poco in più, e una parte del match con l’Albatro Siracusa, ci siamo resi conto di che cosa sia davvero la Serie A1 e di come dobbiamo pensare solo ed esclusivamente a migliorare, senza riflettere sui risultati finora ottenuti. Le future partite dovranno testimoniare che quella di ieri è stata solo una inopinata sconfitta e che in futuro non ce ne saranno altre».

Davvero poco da salvare nella trasferta, il sette di Russo ha cercato di battersi come ha potuto ma in attacco non è stato mordente come al solito e, soprattutto, la retroguardia ha fatto acqua da tutte le parti. Poco male perché si pensa subito al futuro anche se adesso ci sarà l’opportunità di tirare il fiato e di raddrizzare quello che non va. La prossima gara, infatti, è in programma sabato 14 ottobre contro il Noci 2013.