Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Settembre 2017 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 969
RAGUSA - 11/09/2017
Sport - Calcio, Eccellenza: il Rosolini ha pareggiato solo solo nei minuti finali

Ragusa, Vincenzo Di Quattro è il nuovo presidente

Da risolvere il problema dell’agibilità dello stadio. I tifosi non hanno potuto seguire la squadra Foto Corrierediragusa.it

Il Ragusa perde due punti ma trova un presidente. Prima dell’inizio della gara contro il Rosolini è stato presentato Vincenzo Di Quattro (foto), medico, che ha assunto la massima carica del sodalizio in attesa che in corso di settimana vengano ufficializzate le altre cariche direttive. Prevista anche la presentazione alla città ed ai tifosi. L’insediamento del presidente era fondamentale dal punto di vista formale anche se ancora restano da chiarire altri punti riguardanti l’assetto societario tra annunci, smentite e passi indietro. La partita d’esordio è stata amara perché proprio nei minuti finali gli azzurri si sono visto sfilare la vittoria. Il gol di Implatini è stato un brutto colpo così come l’assenza dei tifosi sugli spalti per la mancata inagibilità dell’impianto. Anche questo aspetto è da chiarire perché tra amministrazione e società c’è un rimpallo di responsabilità che non serve a nessuno soprattutto in vista della prossima gara interna del Ragusa.

Filippo Raciti è comunque sereno: «Il pari è la doppia faccia di una squadra giovane, un gruppo coeso che corre dal primo all’ultimo minuto e che, però, può peccare d’inesperienza. Nessuno avrebbe avuto da ridire se avessimo chiuso il match già nel primo tempo. E però non ne siamo stati capaci e abbiamo pagato questo scarso cinismo nel finale. Comunque, va bene così. Mi sono complimentato con tutti alla fine della partita perché ho visto che hanno dato il massimo. Si sono espressi fisicamente in maniera incontenibile per l’intera durata dell’incontro. E devo dire che questa squadra comincia ad avere sempre più identità e che se continuiamo a crescere in questo modo non dovremmo avere problemi a raggiungere l’obiettivo finale. Certo, poi abbiamo dovuto fare i conti con qualche infortunio di troppo e il fatto di non potere disporre su un organico non troppo ampio ci impedisce di potere mantenere inalterato il rendimento. Ad ogni modo non mi lamento più di tanto perché ho tra le mani un gruppo di ragazzi meraviglioso, che sta dimostrando di essere parecchio unito e che, grazie al supporto che mi arriva dai componenti dello staff tecnico, può senz’altro sperare di compiere ulteriori e numerosi passi in avanti. Sono molto entusiasta di quello che finora questi giovani sono riusciti a fare. Certo, c’è mancato l’apporto del nostro pubblico. Sembrava un’amichevole. Se ci fosse stato il sostegno dei nostri tifosi, forse il match avrebbe avuto un andamento differente».

E’ successo domenica:
Ragusa-Rosolini: 1-1
Marcatori: 23’pt Rimmaudo, 40’st Implatini

Ragusa:Di Martino, La Vaccara, Russo, Marchese, Gennaro, Priola, Rimmaudo, Boccaccio, Scerra, Zangara (29´st Spina), Manfrè

Rosolini: Fornoni, Brancato (1´st Errante), Rizza 31st Carbonaro), Monaco (31´st di Dio), Ulma, Gozzo (1´st Caruso), Sammito, Failla, Implatini, Ricca, Melluzzo


Sfuma il successo degli azzurri a pochi minuti dalla fine. Il solito Implatini beffa Di Martino con un tiro a giro dalla sinistra che si insacca sul primo palo. Il Ragusa ha giocato una buona gara ma ha pagato a caro prezzo l’inferiorità numerica dovuta all’espulsione di Gennaro al 30 del secondo tempo.. Gli azzurri, tuttavia, hanno sofferto per tutta la seconda frazione il ritorno degli ospiti che hanno preso in mano il pallino del gioco. Ben tre volte Melluzzo ha avuto la palla del pari ma ha sprecato. Meglio la squadra di Filippo Raciti nel primo tempo con il trio d’attacco che si è mosso bene. Scerra è sempre pericoloso e sulle fasce Rimmaudo e Zangara fanno movimento. Più incerta la squadra di Raciti nel reparto difensivo dove serve ancora qualcosa ed in particolare un centrale di esperienza da affiancare a Priola.

Il Ragusa è partito bene ed è andato in gol grazie ad un taglio profondo di Serra che si è incuneato tra le maglie granata ed ha costretto Fornoni alla respinta. Sulla palla è piombato Rimmaudo che ha messo dentro. Il Rosolini non si scompone e la partita è molto equilibrata. Nel secondo tempo gli azzurri cedono campo e l’espulsione complica tutto. Implatini sancisce il pareggio e la partita finisce qui.

I risultati della 1a giornata di andata (10 sett. 2017)
Caltagirone Calcio - Paternò Calcio 0-0
Camaro 1969 - Città di Scordia 1-1
Catania San Pio X - Sporting Adrano Calcio 2-1
Città di Ragusa - Città di Rosolini 1-1
Città di Sant´Agata - Calcio Avola 1949 6-1
Giarre 1946 - Atletico Catania 1-0
Pistunina - Calcio Biancavilla 0-2
Real Aci - Città di Messina 0-2

La classifica:
Biancavilla 3
Città di Messina 3
S. Agata 3
S. Pio X 3
Giarre 3
Ragusa 1
Rosolini 1
Caltagirone 1
Paternò 1
Camaro 1
Scordia 1
Real Aci 0
Pistunina 0
Adrano 0
Atl. Catania 0
Avola 0