Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:16 - Lettori online 758
RAGUSA - 03/07/2017
Sport - Calcio, Promozione: ora decisive in casa azzurra in vista della prossima stagione

Ragusa in bilico. Il presidente Vitale cerca nuovi soci

Il presidente chiuso nel silenzio, lavora a trovare risorse e programmare Foto Corrierediragusa.it

Futuro nebuloso per il Ragusa. Il presidente Giovanni Vitale (foto) è alla ricerca di nuovi soci e cerca di ricompattare i quadri dirigenziali. La fuoriuscita di tre componenti ha rimesso tutto in discussione ma è soprattutto la base economica quello che più preoccupa. Giovanni Vitale si è chiuso nel silenzio e per il momento ha lasciato nel vago tutti i suoi diretti collaboratori. Al tecnico della scorsa stagione Calogero la Vaccara ha detto di attendere in attesa di non meglio specificate novità. Tutto dipende dall’aiuto che Vitale riuscirà ad avere per la prossima stagione. Da qui discenderà la domanda di ripescaggio in Eccellenza per la quale il Ragusa ha buone, se non ottime, possibilità di successo, e quindi la definizione della struttura tecnica e dell’organico.

Calogero La Vaccara si è messo a disposizione e detto disponibile a guidare gli azzurri per il secondo anno consecutivo anche se ha chiesto garanzie per l’organico. Molti della vecchia guardia potrebbero fare un passo indietro. Ciccio Vindigni ha iniziato una attività imprenditoriale, Nicola Arena è sempre più impegnato con la sua azienda, Pellegrino a Bonarrigo hanno serie difficoltà ad allenarsi sempre per motivi di lavoro. L’Eccellenza è un campionato impegnativo, dove agonismo e preparazione sono decisivi per cui bisognerà ripensare molte scelte. Il Ragusa è al momento ad un bivio e tutto dipenderà dalla decisione di Giovanni Vitale perché, è chiaro, che se resterà da solo il presidente ridimensionerà il suo progetto ed addio dunque all’Eccellenza e via con un campionato di Promozione senza grandi aspirazioni.