Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 30 Maggio 2017 - Aggiornato alle 0:43 - Lettori online 485
RAGUSA - 16/05/2017
Sport - Ciclismo: domenica la corsa valida come prova di Coppa Sicilia gran fondo Fci

La Marathon Parco degli Iblei sarà festa dello sport

Organizzata dall’Asd Bike & Co. avrà un percorso sterrato e single track privati e del demanio forestale Foto Corrierediragusa.it

Si corre domenica la settima edizione della Marathon Parco degli Iblei. La corsa è organizzata dall’Asd Bike & Co. che sta mettendo a punto i dettagli del percorso e le iscrizioni dei partecipanti che si annunciano numerosi.
La Marathon Parco degli Iblei è valida come prova di Coppa Sicilia gran fondo Fci ed è strutturata su un tracciato che si sviluppa quasi interamente su sterrati e single track privati e del demanio forestale. Tecnicamente il tracciato di gara presenta saliscendi con pendenze fino al 25% (solo per brevi tratti). Sono confermate le presenze dei componenti del team professionistico Giant con il colombiano Diego Alfonso Arias Cuervo, che ha vinto la kermesse ciclistica ragusana lo scorso anno, e gli italiani Adriano Caratide e Jacopo Billi.

La festa per la Marathon prenderà il via sabato, in piazza Libertà, con la creazione di una vera e propria «Fitness feast» con cui sarà possibile coinvolgere sportivi e appassionati delle discipline atletiche oltre che quelli, naturalmente, delle due ruote. «Ci stiamo preparando a vivere – sottolinea Peppe Nascondiglio dell’Asd Bike & Co. – una grande festa di sport. Vogliamo fare in modo che l’interesse verso questa manifestazione possa essere sempre crescente. Stiamo operando in questa direzione per cercare di ottenere, con l’aiuto di sponsor e sostenitori, tutte le risposte del caso. Ed è ovvio che tutto possa essere predisposto nei minimi particolari affinché, come è opportuno che sia, possa tenersi una edizione memorabile della competizione ciclistica».