Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 864
RAGUSA - 10/05/2017
Sport - Rugby, C1: per il XV ragusano nessun problema anche nella gara di ritorno

Padua supera Enna con sicurezza e resta in serie C1

Troppo netto il divario tra le due formazioni. Max Nicita lascia l’attività agonistica dopo 26 anni Foto Corrierediragusa.it

Il Padua vince anche il ritorno con l’Enna e resta in C1. Largo punteggio per i biancazzurri di German Greco che hanno regolato a piacimento i gialloverdi ospiti. Alla fine il risultato è di 60-12 ed i paduini festeggiano; un saluto anche per Max Nicita che lascia il rugby agonistico dopo 26 anni di attività. Stagione conclusa dunque con il minimo obiettivo raggiunto anche se è sfuggito l’aggancio ad un posto nei play off promozione. La gara con le Aquile di Enna è stata sempre in mano ai ragusani. Il punteggio si sblocca al 18’con la meta di Simone Guastella, che viene trasformata da Stefano Iacono. 7-0. Le Aquile ennesi reagiscono e per qualche minuto si installano nella metà campo avversaria ma al 25’ ci pensa Adriano Scrofani a tarpare le ali alle aquile con una meta delle sue. Capitan Iacono trasforma anche questa,14-0.

Forti del vantaggio dell’andata e dei 14 punti fino a quel momento totalizzati i ragusani potrebbero anche iniziare a dormire sonni tranquilli ma i ragusani sfruttano ogni occasione per rimpinguare il proprio bottino. Al 32’ e al 37’ Stefano Iacono aggiunge altri punti allo score della propria squadra con due calci di punizione. Il tempo si chiude sul 27-0 in virtù della meta di Paride Vona marcata al 39’.

La ripresa inizia con la meta di Alessandro Cappa, subito controbilanciata da quella del gialloverde Gaetano Comito. Al 52’ e al 53’ ancora due mete, la prima del ragusano Leonardo Chessari, la seconda da Mendy Raymond. Poi accade poco, fino a 10’dalla fine, quindi arrivano tre mete in 8 minuti: al 31’ Damiano Dimartino, alla prima meta in Senior, al 35’ Stefano Russo, meta regalata al pilone biancazzurro da Adriano Scrofani, che poi al 39’ si riprende quanto dovuto con la meta che chiude la gara.