Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 11 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 17:04 - Lettori online 773
RAGUSA - 20/04/2017
Sport - Basket, A1: le biancoverdi pareggiano i conti con Schio al PalaRomare

Passalacqua, le 2 partite del "PalaMinardi" diventano decisive per arrivare in finale scudetto

Sabato alle 20.30 si gioca gara 3 e lunedì gara 4, tifoseria ragusana in fermeto. Sarà pienone Foto Corrierediragusa.it

L’urlo liberatorio di Erlana Larkins (foto) a fine partita sintetizza la rabbia e la gioia. La Passalaccqua ha superato Schio al fotofinish ed ha ora il pallino in mano. Si giocherà la finale scudetto nelle due partite casalinghe di sabato e lunedì quando affronterà in gara 3 e 4 Schio. La vittoria al PalaRomare in gara 2 è stata fondamentale per tutto. Per pareggiare i conti innanzitutto, per dare fiducia alla squadra e a tutto l’ambiente dopo l’’incerta prova di gara 1, per sfatare il tabù Schio. Le biancoverdi sanno che ce la possono fare e dipende ora solo da loro anche se il quintetto di coach procaccini, è di altissimo livello e capace di tutto.

Una delle chiavi di gara 2 è stato il miglioramento delle percentuali di tiro da 2 e soprattutto da 3 con il 42 per cento realizzati oltre ai rimbalzi e al 95 per cento dei tiri liberi realizzati. Una bela differenza con la prima gara e con quanto successo in molte gare di campionato. Gianni Recupido, visibilmente contento a fine gara, non è stato molto tenero con le sue giocatrici: «Abbiamo fatto errori da settore giovanile, che non dovremo ripetere«. Un modo come un altro per tenere alta la tensione e prepararsi bene alla sfida del PalaMinardi. Toccherà al pubblico di casa dare la spinta in più alle aquile biancoverdi e la tifoseria si sta già organizzando percependo l’importanza della partita contro le campionesse d’Italia.

E’ successo mercoledì:
Schio - Passalacqua Ragusa 68 - 71 (17-17, 38-34, 50-45)

Famila Schio: Yacoubou 15, Martinez, Bestagno, Gatti, Tagliamento, Anderson 23, Masciadri 2, Zandalasini 6, Sottana 4, Ress 6, Macchi 12. All. Procaccini

Passalacqua Ragusa: Larkins 8, Consolini 11, Gorini 7, Valerio, Spreafico 7, Formica 8, Bagnara 6, Brunetti ne, Vanloo 9, Ndour 19. All. Recupido


La partita perfetta. Adrenalina in quantità al PalaRomare dove la Passalacqua vince e pareggia i conti con Schio. Sabato e lunedì sarà ancora sfida con le scledensi ma al PalaMinardi e Ragusa può chiudere il conto. E’ Astou Ndour a consegnare il successo alle biancoverdi con una grande tripla che serve per il sorpasso nel minuto finale e due tiri liberi che danno il definitivo vantaggio dopo che Zandalasini aveva riportato le orange a -1.

Sono stati secondi convulsi ma il quintetto ragusano ha dimostrato maturità e sangue freddo ribattendo colpo su colpo. La partita si è decisa nell’ultimo quarto quando la Pasalacqua è riuscita a rimontare i 5 punti di svantaggio che accusava, 50-45. Gorini e Formica riportano sotto le biancoverdi, poi Consolini e Ndour danno un break di 4-0 con il punteggio che si fissa sul 59-62. La partita è incandescente, il PalaRomare vibra con il tifo per le orange ma la Passalacqua non molla nonostante vada ancora in svantaggio sul 64-62. Recupido chiama il time out ed alla ripresa le sue giocatrici rispondono alla grande. E’ vittoria di quelle che pesano soprattutto perché consente di giocare con più serenità le due partite casalinghe. Un successo arrivato dopo il brutto stop di lunedì quando la Passalacqua non era entrata per niente in partita. La reazione c’è stata perchè sin dalle battute iniziali si è visto che il quintetto biancoverde si muoveva bene. Il lavoro di Gianni Recupido a livello mentale e tattico ha funzionato. Ora il popolo biancoverde può davvero sognare la finale.