Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 21:38 - Lettori online 524
RAGUSA - 20/03/2017
Sport - Basket, serie C: i padroni di casa piazzano il canestro decisivo a pochi secondi dalla fine

Nova Virtus battuta da Aretusa Siracusa in gara 1 play off

Gara 2 si gioca mercoledì sera al PalaPadua. I vrrtussini devono vincere per tenere viva la speranza Foto Corrierediragusa.it

Aretusa Siracusa - Nova Virtus Ragusa: 58-55 (16-14; 36-22; 46-44)

Nova Virtus Ragusa: Antoci 2; Gebbia Lorenzo; Ferrera; Idrissou 4; Spatuzza n.e.; Dinatale n.e.; Licitra 11; Gebbia Alfonso 12; Ferlito 2; Mammana 4; Canzonieri 6; Sorrentino 14 All. Di Gregorio

Aretusa Siracusa :Galitto; Bonaiuto 9; Bellofiore 15; Carbone C. 2; Aglianó, Alescio 7; Carbone A., Kyle; Naso; Agosta 26 All. Marletta


La Nova Virtus perde nei minuti finali gara 1 delle semifinali play off. In funzione claassificazione tutto rinviato a gara 2 che si gioca mercoledì sera al PalaPadua. Sorrentino, Alfonso Gebbia e Ferlito portano in apertura la squadra ragusana a +4, ma Siracusa risponde immediatamente con Agosta e Bellofiore in tripla. È proprio il capitano siracusano, miglior realizzatore del match con 26 punti, ad essere il vero protagonista dell’avanzata aretusea. L’ingresso di Idrissou risulta provvidenziale per la Virtus, per riuscire a chiudere il primo parziale sotto di soli due punti. La fatica nel segnare, da parte di ambedue le squadre, evidenzia quanto sia delicata questa partita, più di qualsiasi altra di regular season.

La posta in gioco è troppo alta e la Virtus lo sa bene, ma è proprio questa consapevolezza a far «tremare» le gambe ai ragusani, difatti il secondo quarto vede solo i padroni di casa, sia sul tabellone, sia sul parquet. che volano a 14 lunghezze sopra.La Virtus concede tanto, a rimbalzo e va sotto. Serve l’ intervallo lungo per fare mente locale e ritrovare compattezza e determinazione.

Sorrentino ad inizio periodo, infila subito una tripla, dando il via ad una rimonta quasi insperata, che scalda gli animi, non solo tra gli spalti ma anche sul campo, che Alfonso Gebbia è costretto ad abbandonare prima della fine della partita. I ragusani ritrovano fiducia e freddezza arrivando all’aggancio tanto sperato, con Licitra, su un parziale di 44-44. I colpi di scena sono uno dietro l’altro, si apre l’ultimo periodo di una gara incredibilmente adrenalinica. Aretusa, in evidente difficoltà, sente tuonare più volte la sirena dei 24s, senza riuscire a toccare il ferro. La Virtus ci crede fino alla fine, non smette di correre, caricata da un ritmo ritrovato e da una piccola porzione di pubblico tutto ragusano, che cerca di farsi spazio tra le urla avversarie. La frenesia dettata dal tempo che scorre, porta i virtussini a lasciare un varco decisivo per l’incursione siracusana, e, merito di qualche fallo fischiato a favore sul finale, permette ad Agosta e i suoi di mettere in tasca Gara1, rinviando l’appuntamento decisivo a mercoledì.