Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 23:19 - Lettori online 560
RAGUSA - 07/03/2017
Sport - Basket, A1: la larga vittoria contro Schio ha entusiasmato tutto l’ambiente

Passalacqua fiduciosa con Gianni Recupido in panchina

Domenica altra sfida delicata a Napoli contro il quintetto dell’ex Nino Molino Foto Corrierediragusa.it

S. Martino e Napoli vincono e la Passalacqua è rimasta al sesto posto con 24 punti. La vittoria con Schio dal punto di vista della classifica è servita solo a tenere la posizione ma è stata una grande iniezione di fiducia a tutto l’ambiente dopo le incerte prestazioni delle ultime settimane. L’esordio di Gianni Recupido (foto) non poteva essere migliore ed il tecnico insieme a tutta la squadra si è preso gli applausi e gli incoraggiamenti del pubblico.

Dice il tecnico: «Sicuramente quando si vince così non si sa dove finiscono i meriti di una squadra e i demeriti dell’altra, probabilmente loro erano un po’ appagate della vittoria della coppa Italia, ma quello che interessava a noi era avere un buon atteggiamento, e questo c’è stato, così come c’è stato il contributo di tutte. E quando è così, è anche facile gestire, perché qualsiasi cosa fai va sempre bene: qualsiasi richiesta ho fatto nel corso della partita ha infatti trovato sempre risposte positive. E’ stata soprattutto una grandissima prova difensiva, perché quando mollavamo un po’, nonostante la loro prova sottotono, ci punivano sempre. Credo che la cosa importante sia stata condividere con le ragazze le scelte che abbiamo fatto e devo dire che hanno lavorato bene tutta la settimana. Adesso il nostro compito è migliorare ancora, perché questo è solo un passo. Dobbiamo lavorare tanto in alcune regole difensive e dobbiamo lavorare in qualche situazione d’attacco. Io spero di riuscire a tirare fuori il meglio dalle caratteristiche di ognuna di loro: questo è il mio grande progetto e la mia grande ambizione». Come sottolinea lo steso tecnico il lavoro è stato soprattutto nello spogliatoio oltre che in campo per ridare fiducia e motivazioni alle giocatrici. Domenica c’ subito la controprova contro Napoli dell’ex Nino Molino, di cui Recupido è stato anche secondo. Dice il tecnico biancoverde. «Dovremo andare a Napoli con la stessa intensità e la stessa cattiveria, come se non avessimo giocato la partita con Schio».

E’ successo sabato:
Passalacqua Ragusa-Famila Wuber Schio: 78-52 ( 18-13, 36-28, 58-41)

Passalacqua Ragusa: Larkins 18, Nichols 9, Consolini 15, Spreafico 6, Vanloo 6; Gorini 11, Valerio, Formica 11, Bagnara, Brunetti 2


La Passalacqua che non ti aspetti. Batte Schio con un +26 che non ammette repliche e si riconcilia con i tifosi dopo la brutta prestazione nella Final Four. La cura Recupido, subentrato in panchina a Gianni Lambruschi, ha funzionato ma sono state soprattutto le giocatrici le protagoniste di una prestazione agonistica e tecnica di grande livello. Schio non è praticamente entrata in partita perché le biancoverdi hanno tenuto in mano il pallino del gioco chiudendo bene gli spazi in difesa e trovando precisione sotto canestro. Per le scledensi è la quarta sconfitta in campionato ma è soprattutto il modo con cui è arrivata che pesa. I parziali parlano da sé e già i primi scambi in campo mostrano le padroni di casa perfettamente calate nella partita. Il primo break delle locali è sul 6-0, si riprende Schio ma è sempre la Passalacqua a portarsi avanti. Spreafico e Larkins portano le compagne sul 18-13. Il secondo quarto vede avvicinarsi Schio, 18-17, con Anderson ma a metà tempo le bianconverdi si portano sul 27-19 ed allungano. Passalacqua si chiude bene in difesa con Larkins e Formica. Si va al riposo lungo con Vanloo che mette dentro una tripla per il 36-28 e Schio che non riesce a raccapezzarsi.

La partita non cambia anche al ritorno in campo. Larkins, Nicholls e Vanloo imprimono velocità e precisione. L’americana firma il +9 dopo 5’. Si vede che la Passalacqua ha fiducia e gioca in scioltezza mentre Schio non riesce ancora a prendere le misure. Larkins, 18 punti per lei, penetra per il 58-41 e partita che parla ormai solo ragusano. Nell’ultimo tempino apre Formica e si va al +19 e Larkins porta le sue al +21 che induce coach Procaccini al time out. L’inerzia della gara non cambia, Schio le tenta tutte con Sottana e Zandalasini ma Brunetti mette il sigillo sul 73-46. Poi poche scaramucce finali e si chiude tra gli applausi.