Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:26 - Lettori online 836
RAGUSA - 12/02/2017
Sport - Basket, A1; Schio perde in casa con S. Martino, Venezia vince con Lucca

Passalacqua imbarazzante a Torino, sprint finale ed è vittoria

Le biancoverdi acciuffano la parità nei secondi conclusivi e vanno al supplementare vinto con agilità Foto Corrierediragusa.it

Fixi Piramis Torino - Passalacqua Ragusa: 61-68 (dopo suppl.) (19-9, 34-26, 44-42, 56-56)

Passalacqua Ragusa: Nicholls 2, Gorini 3, Formica 5, Vanloo 12, Ndour 25; Consolini 19, Valerio 2, Bagnara, Brunetti


Vanloo salva Ragusa dalla sconfitta, Consolini e Ndour la portano alla vittoria. Finale entusiasmante al PalaEinaudi di Torino tra due squadre che hanno lottato fino alla fine. Coach Lambruschi sceglie Nicholls e manda in tribuna Larkins ma la spagnola non regala grandi sprazzi. Vince Ragusa perché le sue stelle, Consolini in testa, non si fermano anzi trovano vigore proprio nei minuti finale ma la prestazione della squadra è stata per molti tratti imbarazzante. Troppi errori, difesa leggera e gioco latitante. E’ stato così che Torino ha preso il sopravvento fino a 40 secondi dalla fine quando la Passalacqua è passata per la prima volta in vantaggio sul 55-54 gelando le torinesi che ormai credevano al successo.

Con Torino che si era riportato sotto Vanloo trova l’ennesima bomba e si va al supplementare. Anche perché Formica avrebbe una palla facile sotto canestro e sbaglia clamorosamente. La Passalacqua si porta subito avanti e al 1’ dei 5 minuti dell’ultimo tempino si porta ancora avanti, 59-62. Torino è in difficoltà perché la difesa ragusana chiude bene e Ndour si fa sentire. Consolini, ancora una volta prestazione magistrale, guida la riscossa e va a segno. Si finisce sul 68-61 per le ragusane e la grande paura è passata. Una vittoria che deve fare riflettere in casa biancoverde perché la squadra può e deve fare di più per non rischiare anche con squadre di fascia medio-bassa.