Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:36 - Lettori online 472
RAGUSA - 30/01/2017
Sport - Basket, A1: due impegni ravvicinati per le biancoverdi, Venezia nel recupero e S. Martino Lupari

Passalacqua, la grande delusione dopo Lucca. Coach Lambruschi: "Impariamo da questa sconfitta"

I minuti finali fatali per troppi errori individuali e gioco di squadra in tilt Foto Corrierediragusa.it

Ora la classifica si fa pesante. L’occasione per rientrare nel gioco di testa è stata lontana appena 5’ ma la Passalacqua a Lucca ha mollato proprio nel momento decisivo. Troppe giocate individuali, difesa permeabile e la capolista ha inflitto la sesta sconfitta in campionato su 14 partite giocate. Un po’ troppo per puntare in alto e soprattutto uno stop che è arrivato nel migliore momento della Passalacqua, reduce dal passaggio agli ottavi di Eurocup e da una striscia positiva in campionato. Le biancoverdi sono ora al sesto posto a quota 16 e a 4 lunghezze dalla coppia formata da S. Martino e Napoli. E’ vero che Ragusa deve ancora disputare il recupero contro Venezia, ma anche un successo non farebbe recuperare posizioni alla squadra di Lambruschi.

Coach Gianni Lambruschi vuole trovare qualcosa di positivo nella sconfitta al PalaTagliate: «E’ stata la seconda partita di seguito nella quale non partiamo con handicap e nella quale invece entriamo in campo con la mentalità giusta, e questo potrebbe essere una svolta per il futuro, dato che le partite che abbiamo disputato a handicap sono state pesanti da recuperare. Diciamo che abbiamo fatto buona pallacanestro e che magari alla fine meritavamo il risultato pieno, però c’è mancato qualcosa di più per meritarcelo. Le cose negative stanno certamente nei tre canestri nel giro di pochi secondi che abbiamo subito sul +18: se quel gap fosse rimasto tale per qualche minuto la loro rimonta sarebbe diventata più problematica. Quando loro stavamo rimontando ci siamo messi a zona, e in quel frangente ogni volta purtroppo hanno preso il rimbalzo d’attacco: sarebbero bastati un paio di rimbalzi in difesa per cambiare l’inerzia, perché in difesa avevamo fatto molto bene, non permettendogli di fare canestro. E poi nonostante la percentuale da tre punti che non era affatto soddisfacente c’è stata un po’ di testardaggine quando non abbiamo cercato alternative sotto canestro dove Larkins e Ndour (foto) sono state abbandonate. Diciamo che è una sconfitta che ci può insegnare molto per il proseguo di campionato, per la Coppa Italia ed anche per il Galatasaray».

Per Ragusa adesso tre partite interne di grande importanza nel giro di una settimana. Si comincia giovedì alle 20,30 con l’Umana Reyer nel recupero della terza giornata del girone di ritorno di A1, si prosegue domenica prossima, 5 febbraio quando al Palaminardi sarà di scena San Martino di Lupari, sempre in campionato per passare poi all’appuntamento di giovedì 9 febbraio quando nell’impianto di contrada Selvaggio sarà il Galatasaray a rendere visita alla formazione ragusana nella gara valida come round of 8 di Eurocup.

E’ successo domenica:
Gesam Lucca-Passalacqua Ragusa: 51-49 (8-13, 22-32, 34-42)

Lucca: Battisodo, Tognalini 10, Pedersen 11, Dotto 2, Wojta 10, Harmon 15, Crippa 3, Miccoli ne, Salvestrini ne, Ndjock , Mandroni ne. All Diamanti

Ragusa: Larkins 6, Consolini 4, Gorini 15, Valerio 2, Spreafico 8, Formica 4, Bagnara ne, Brunetti ne, Vanloo , Ndour 10. All Lambruschi


La Passalacqua spreca tutto nei minuti finali. E’ stata in vantaggio su Lucca per 39’ ma alla fine cede al ritorno delle padrone di casa. Le biancoverdi sono arrivate ad avere anche un ragguardevole +16 sulle toscane e alla fine del terzo tempino con un 10 punti di vantaggio avevano buoni motivi per pensare ad una vittoria. Non è stato così perché Lucca ha avuto una reazione rabbiosa, Larkins, scesa in campo dopo l’infortunio sofferto mercoledì, ha accusato fatica e nei minuti decisivi Lambruschi si è trovato a fare a meno di Vanloo e Nodur uscite per i falli accumulati. Peccato per l’occasione perduta ma la Passalacqua ha dimostrato di potersela giocare alla pari con la capolista.

Le biancoverdi partono forte e Lucca fatica a trovare il canestro e difendere con ordine. La Passalacqua si porta sul 24-10 già al 15’ grazie ad una difesa rocciosa e alta capacità di realizzazione. Una partenza sprint che mette in difficoltà Lucca tanto da portare le ospiti sul 32-14. Il distacco aumenta, il gioco delle ragusane è fluido e Gorini è in grande serata. In un finale di quarto rocambolesco è poi Ragusa a trovare il +8 da sotto, con lo score di 42-34 al terzo fischio. Sono le triple di Crippa e Tognalini ad infiammare il PalaTagliate e dare il -2 alle biancorosse; Spreafico trova un bel gioco da tre, Pedersen e Harmon il -1 (45-44 al minuto 34), poi il pareggio arriva con i liberi della lunga lucchese ed il sorpasso con quattro punti consecutivi di Harmon a 4 dal termine (49-45 lo score).

La tensione è alle stelle, Larkins trova il -2, Dotto sbaglia ai liberi, l´attacco ragusano si infrange nel muro biancorosso e a 20 secondi dal termine Harmon segna il libero del 50-47. A 11" sul cronometro Ragusa si prende un fallo e dalla conseguente rimessa Gorini trova il -1 (50-49) in penetrazione. Mancano 7 secondi e Lucca palla in mano subisce fallo e trova l´1 su 2 di Dotto ai liberi; nell´azione seguente le ospiti non trovano il canestro e la sirena finale sancisce il definitivo successo di Lucca.