Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:16 - Lettori online 789
RAGUSA - 23/01/2017
Sport - Basket, A1: la partita sarà recuperata a data da destinarsi, deciderà la Lega Basket

PalaMinardi bagnato, polemiche roventi. La Passalacqua si gode riposo in vista gara Eurocup

La sosta forzata interrompe un lungo tour de force iniziato questo mese con la qualificazione di Coppa Italia Foto Corrierediragusa.it

La Passalacqua non rischia la perdita della partita a tavolino. Il preventivo allarme meteo ha messo in cassaforte la ripetizione della gara e anche i dirigenti lagunari non hanno annunciato alcun passo in questa direzione. Per i dirigenti ragusani e i tifosi è stata comunque una serata di rabbia, che ha innescato reazioni a catena prima in campo e poi sui social network. Il malcapitato vicesindaco ed assessore allo sport, Massimo Iannucci, è stato circondato dai tifosi (foto) che hanno lanciato improperi e battute pesanti per quanto successo. Il tetto del PalaMinardi è da tempo sotto osservazione ma non è stato ancora fatto nulla per intervenire. Il fattaccio è successo, paradossalmente, a poche settimane dalla delibera con cui l’amministrazione ha affidato i lavori di revisione della copertura per 250 mila euro. Ha vinto il maltempo che ha fatto esplodere il caso e soprattutto danneggiato l’immagine della città dopo tanti sforzi da parte della società.

Coach Gianni Lambruschi ha voluto tenere la squadra al riparo delle polemiche ed ha preso, anzi, quanto di buono, poteva derivare da una circostanza inattesa. La squadra, reduce da un tour de force di tre settimane ha potuto godere di una sosta che non potrà che far bene in vista della gara di ritorno dei 16mi di Eurocup che si gioca al PalaMinardi mercoledì alle 20.30. Il meteo segnala buone condizioni e le infiltrazioni piovane dovrebbero essere scongiurate. Un giorno in più di riposo e soprattutto un impegno agonistico importante come quello contro Venezia, saltato, non potranno che giovare alla condizione fisica di Larkins e socie.

E´ successo domenica:

Al PalaMinardi piove e il big match con Venezia non si è giocato. Qualche conciliabolo tra tecnici, arbitri e dirigenti ma la decisione di non giocare è stata presa in modo unanime anche se Venezia dovrà sobbarcarsi ad una seconda, lunga trasferta. Non si conosce ancora la data del recupero, che sarà resa nota dalla Lega Basket Femminile nei prossimi giorni. Per i mille e passa spettatori presenti in tribuna è stata una delusione e i commenti salaci si sono sprecati visto che il problema delle infiltrazioni nell’impianto di contrada Selvaggio è noto ormai da tempo e non è stato ancora risolto. La pioggia battente sospinta dal forte vento ha determinato infiltrazioni continue sul parquet sul lato davanti alle panchine e dal lato della tribuna B. Evidenti i pericoli per chi doveva giocare e nessuno se l’è sentita di rischiare in queste condizioni anche perché il maltempo non ha finito di imperversare. A nulla sono infatti valsi i tentativi ripetuti di asciugare il parquet da parte degli addetti della Passalacqua perché la pioggia ha continuato a filtrare dal tetto. All’annuncio ufficiale del rinvio pubblico dunque deluso e arrabbiato e tutti a casa. La città non ci ha fatto una bella figura davanti agli ospiti, ai tifosi, al mondo del basket che attendeva l’esito della gara.

Coach Lambruschi per la gara contro Venezia aveva scelto come straniere in campo, Vanloo, Ndour e Larkins lasciando in tribuna Nicholls. Anche per l’americana una piccola delusione per il mancato esordio. Se ne riparlerà tra qualche giorno visto che mercoledì, pioggia e infiltrazioni permettendo, la Passalacqua incontrerà Nymburk per il ritorno dei 16mi di Eurocup. Per coach Lambruschi rinvio non proprio da maledire visto che avrà qualche giorno di tempo in più per preparare la gara e far recuperare la squadra dopo un intenso mese di impegni.