Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 19 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:22 - Lettori online 795
RAGUSA - 06/01/2017
Sport - Basket, serie C: partenza a rilento del quintetto ragusano che soffre l’assenza di capitan Sorrentino

Nova Virtus in extremis vince con Fp Messina

I biancazzurri sono arrivati a -20 dai padroni di casa e poi hanno risalito la china Foto Corrierediragusa.it

FP Sport Messina – Nova Virtus Ragusa: 90-93 ( 21-13, 41-31, 61-42, 75-75)

F.P. Sport Messina: Santoro, Ponzu 4, Cavalieri 24, Tunovic 21, Casile 7, Trovatello, Salvatico 5, Russo n.e., Occhino, Stracuzzi, Martino n.e., Caddell 29

Nova Virtus Ragusa: Ferrera 3, Antoci 2, Spatuzza, Dinatale, Licitra 17, Idrissou 9, Gebbia Alfonso 26, Chessari 15, Ferlito, Mammana 10, Canzonieri 11


Vittoria in extremis. La Nova Virtus inizia bene il nuovo anno ma è una faticcaccia sul parquet peloritano del PalaRitiro. Contro i peloritani per oltre 20 minuti i virtussini sono sembrati un’immagine sbiadita della bella squadra che aveva chiuso al secondo posto il girone di andata. Sin dalla prima palla a due, i ragusani non riescono a creare gioco, faticano in chiusura e il canestro è sempre troppo distante, Messina, invece, segna punto dopo punto, trascinata da Tunovic, Cavalieri e Caddell.

I virtussini soffrono, e non poco a rimbalzo, subendo la potenza fisica avversaria. La strada sembra tutta in discesa per i padroni di casa i quali, rientrati dall’intervallo lungo, sentono già il sapore di vittoria. Ben presto però il boccone diventa amaro, poiché la Virtus reagisce con un orgoglio e una tenacia mai visti prima d’ora, dimostrando di poter ribaltare l’esito di una partita che sembrava essere conclusa già da un po’. Difatti, a 10 minuti dalla sirena finale, i ragusani si trovano sotto di venti lunghezze ma la rotazione lunga, disarma la Fp Sport, colta alla sprovvista.

Nonostante l’assenza pesante del capitano Sorrentino, la squadra di coach Di Gregorio difende a uomo e con lucidità accompagna la palla direttamente sul ferro, questa volta senza sbagliare la mira. Licitra dirige il gioco ed è il mix perfetto di maturità e fresca inventiva, che permette a Ragusa di ristabilire incredibilmente il punteggio, costringendo Messina ai supplementari. Negli ultimi minuti, la Virtus fa il pieno di forza e fiducia, il carburante giusto per seminare definitivamente i padroni di casa, ancora increduli difronte alla scalata avversaria, e chiude il match sopra solamente di tre punti.