Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:36 - Lettori online 458
RAGUSA - 20/12/2016
Sport - Basket, A1: stasera alle 20.30 la prima di ritorno, Nicholls in dubbio

Passalacqua in campo a La Spezia per continuare a vincere. Roster affaticato, ritorna la Williams?

La società si sta guardando attorno e vuole pescare nel mercato americano Foto Corrierediragusa.it

Il tour de force della Passalacqua (foto di Giovanni Cassarino) si conclude a La Spezia stasera. Nella città ligure le biancoverdi giocheranno la prima partita del girone di ritorno prima di andare in vacanza. Di riposo hanno sicuramente bisogno tutte le atlete che sono ormai da due mesi a questa parte sotto pressione con partite infrasettimanali e trasferte dovute alle gare di Eurocup. Grazie alle ultime due vittorie, entrambe ottenute nel finale, la Passalacqua si è aggiudicata il primo posto nel girone di Eurocup e il quinto posto in classifica in campionato che consentirà alla squadra di Lambruschi di disputare lo spareggio per l’ammissione alla Final four di Coppa Italia che si disputerà il 25 e 26 febbraio. Per arrivare tra le quattro squadre che si contenderanno la Coppa Italia, di cui le ragusane sono detentrici, devono prima superare La Spezia in casa giovedì 5 gennaio e sfidare S. Martino di Lupari in trasferta giovedì 15. Due ostacoli si frappongono dunque all’ingresso nella Final four ma nel frattempo bisognerà fare i conti con il campionato.

Gianni Lambruschi pone l’accento sullo stato di salute delle giocatrici: «La squadra in questo momento è molto stanca, ci sono rotazioni ridotte per via dell’assenza di Nicholls e Bagnara ed inoltre Ndour non doveva nemmeno giocare e ha giocato quasi 40 minuti, Formica ha dei problemi ed è restata tanto in campo, Valerio si è fatta male alla spalla, Vanloo che in questo periodo ha giocato tantissimo e dà i ritmi alla squadra è molto stanca. Quindi davvero un plauso a loro, perché stanno rispondendo nella maniera migliore. Chiaramente il risultato ci ripaga di tutti questi sforzi». Proprio per irrobustire il roster la società sta pensando ad un altro colpo di mercato. Potrebbe essere addirittura al ritorno di Riquna Williams, protagonista insieme ad Ashley Walker, due anni fa nella prima stagione di serie A.

E’ successo domenica:
Passalacqua Ragusa-Battipaglia: 65-61 (15-15, 33-33,43-42)

Passalacqua Ragusa: Consolini 18, Valerio, Formica 6, Vanloo 11, Ndour 17; Gorini 3, Spreafico 4, Brunetti 6


Soffre la Passalacqua ma alla fine riesce a conquistare i due punti che mantengono le ragusane al quinto posto, seppur in coabitazione con Napoli, a quota 18. Ora le ragusane dovranno spareggiare per la conquista di un posto nelle finali di Coppa Italia. Contro la penultima in classifica è stata più dura del previsto perchè Battipaglia non ha mai mollato ed ha avuto in Williams e Sotiriu due punte di diamante che hanno sempre tenuto la difesa ragusana sotto pressione. Le biancoverdi erano reduci dal viaggio di rientro da Praga ed hanno avuto poco tempo per recuperare la tiratissima gara contro Nymburk. Tra le biancoverdi non c´è Laura Nicholls e i cambi sono limitati. Andamento lento dunque e Battipaglia che sin dalle prime battute si va falere sotto canestro. Bene Vanloo in regia, come di consueto, anche se i tempi non sono velocissimi. Primo quarto pari, così come il secondo primo di andare al riposo.

C’è Ndour che mete dentro un paio di triple e assicura il recupero. Nel terzo quarto la partita non cambia andamento e sono anzi le campane di Massimo Riga a portarsi avanti seppur di un punto. Passalacqua determinata nell’ultimo quarto perché recupera il pesante -12, va in vantaggio e non si fa più riprendere. Consolini si batte in difesa e realizza dalla media distanza, alla fine i suoi 18 punti, di cui ben 11 negli ultimi 2 minuti, sono pesantissimi e decisivi coronando una prestazione da incorniciare.