Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:12 - Lettori online 987
RAGUSA - 12/12/2016
Sport - Calcio, Promozione: domenica finisce il girone di andata, azzurri probabili campioni d’inverno

Città di Ragusa resta in testa. Superata l´insidia derby

Bene gli ultimi arrivati Scalone e Incardona. La Vaccara conta di recuperare Pellegrino in settimana Foto Corrierediragusa.it

Il Città di Ragusa suona la tromba. Il segnale è chiaro per il campionato perché gli azzurri, nonostante infortunati e traversie varie, hanno superato in modo brillante l’ostacolo derby. Non era facile perché il Marina di Ragusa ha giocato una buona partita ed è stato avversario tosto. Nonostante tutto la squadra di Calogero La Vaccara ha risposto alla grande pur venendo da due prestazioni non proprio brillanti come il pareggio interno con il S. Croce e la sconfitta esterna con il Vittoria.

Il Città è rimasto in testa con il Paternò alle calcagna e tre passi indietro l’Atletico Catania. La squadra di La Vaccara si avvia a chiudere il girone di andata in testa visto che domenica prossima gioca in casa contro la Rinascita Netina. La società ha intanto rafforzato la rosa e due dei nuovi acquisti, Incardona e Scalone, hanno esordito contro il Marina. Dice il ds Massimiliano Vitale: «Come società cercheremo di affrontare nella maniera migliore le eventuali difficoltà; ne abbiamo avute nelle ultime settimane. Proprio domenica prima della partita Pellegrino ci ha comunicato di avere la febbre e la Vaccara ha dovuto gestire anche questa emergenza. Dedichiamo la vittoria ai tifosi che ci hanno seguito nella speranza che possano fornirci lo stimolo adeguato anche per le gare a venire».

E’ successo domenica:
Marina di Ragusa-Città di Ragusa: 0 - 3
Marcatori: 23’ pt e 25’st Vicari, 39’st D. Arena

Marina di Ragusa: Cavone, Di Rosa, Tuvè, Valerio, Nigro, Puglisi, Benvenuto Sinfisi (35’st Tumino), Oriana, Anania, Rizzo (33’Rimmaudo), Ascia. All.re Gurrieri.

Città di Ragusa: Taranto, Suizzo, Scalone, Ambrogio, Vindigni, Buscema, Arena D. (40’st Vitale), Incardona, Vicari, Bonarrigo (40’st Tumino), Arena N (27’st Baglieri). All.re La Vaccara

Arbitro: De Vincentis di Taranto
Note: Ammoniti: Rizzo, Benvenuto Sinfisi, Puglisi (MR); Incardona (CR). Angoli 9-4 per il Marina di Ragusa. Rec. 2’ e 4’


E’ bastato recuperare quasi tutti i titolari –solo Pellegrino assente perché influenzato – per tornare il Città di Ragusa formato «capolista» dando l’illusione al Marina di Ragusa per i primi venti minuti iniziali che la gara poteva essere in equilibrio. Poi le forze dei singoli e la lucidità tattica della formazione azzurra sono emerse prorompenti e non c’è stato nulla da fare per la compagine rossoblù che comunque ha dimostrato di avere un organico di tutto rispetto.

Inizio di gara equilibrato ma è del Marina di Ragusa al 12’ la prima palla gol con Anania che, servito da un perfetto assist filtrante sotto rete, correggeva verso la porta con un tocco vellutato che sfiorava il palo destro della porta difesa da Taranto. Al 15’ ancora locali incisivi con Oriana che sferrava un gran tiro da fuori area che impegnava Taranto ad una difficile parata in angolo. Dopo un’ulteriore pressione del Marina era invece il Città di Ragusa a passare in vantaggio al 23’. Da un contropiede la palla veniva lavorata sulla fascia destra da Nicola Arena che indirizzava in area dove il fratello Daniele faceva velo per Vicari che, solo davanti alla porta, insaccava. Il Marina subiva il colpo e perdeva tempo a riordinare le idee così il Città di Ragusa riusciva a riequilibrare il gioco a centrocampo e a rendersi efficace nelle ripartenze. Il Marina risaliva la china e sul finale di tempo al 42’ si affacciava in area con Ascia, servito sotto porta, che si girava ma proprio al momento del tiro veniva bloccato da un difensore. Tre minuti dopo stessa azione ancora con Ascia che controllava sotto porta e stavolta riusciva a sferrare il tiro ma Taranto deviava.

La ripresa si apriva al 5’ con un gran tiro di Daniele Arena che impegnava Cavone che bloccava non senza difficoltà. Al 18’ Vicari veniva servito in area ma il suo controllo era impreciso e la difesa rossoblù respingeva. Non sbagliava invece al 25’ il possente centravanti del Città di Ragusa a deviare in rete, solo davanti al portiere, dopo un pregevole cross dalla destra, quasi da fondo campo, di Incardona che recuperava un pallone che sembrava destinato fuori. Il Marina di Ragusa tentava una reazione e coglieva l’occasione per accorciare le distanze al 37’ quando Di Rosa recuperava palla a centrocampo, si involava sulla fascia destra, crossava perfettamente in area per Rimmaudo che, solo davanti alla porta, sparava clamorosamente in alto. Gol sciupato, gol subito e al 39’il Città di Ragusa portava il risultato sul 3-0 con un gran gol di Daniele Arena che si liberava di tre difensori e sferrava un gran tiro dal limite dell’area che si insaccava alla sinistra di Cavone. Al 42’ traversa di Di Rosa da tiro cross dalla sinistra.

I risultati della 14ma giornata (11 dic. 2016)
Aquile Calatine-Atl. Catania:0-0
Adrano-Paternò 0-3 a tavolino
Città di Catania-Mascalucia:5-0
Marina di Ragusa-Cità di Ragusa:0-3
Dagata-Trecastagni:1-2
Rinascita Netina-Vittoria:0-3
S. Croce-Belvedere:0-1
Megara-Sp. Eubea:0-1

La classifica:
Città di Ragusa 32
Paternò 31
Atl. Catania 29
S. Croce 28
Marina di Ragusa 23
Trecastagni23
Belvedere 22
Sp. Eubea 22
Vittoria 21
Dagata 17
Aquile Calatine 16
Megara 12
Città di Catania 11
Adrano 8
Rin. Netina 8
Mascalucia 6