Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 914
RAGUSA - 25/09/2016
Sport - Basket, A1: è l’ottavo trofeo per le scledensi, domenica è già tempo di campionato

Passalacqua vede sfumare la Supercoppa 2016 sul filo della sirena. Finale shock, Schio vince di un punto

Capitan Masciadri penetra e tira sul ferro, rimbalzo vincente di Anderson e sorpasso a 7’’ dalla fine Foto Corrierediragusa.it

Famila Wuber Schio – Passalacqua Ragusa: 67 – 66 (18 - 18, 40 - 33, 54 - 58)

Famila Wuber Schio: Yacoubou I. 18 (9/20, 0/1), Martinez Prat 7 (0/2, 1/2), Bestagno M. 2 (0/4), Gatti G. (0/1, 0/1), Tagliamento ne, Anderson J. 10 (3/6, 1/4), Masciadri R. 9 (2/7), Zandalasini C. 4 (1/4, 0/1), Sottana G. 15 (2/4, 3/7), Ress K. (0/3), Macchi 2 (1/5, 0/1)

Passalacqua: Nicholls 13 (2/10, 3/4), Consolini 9 (2/10, 1/2), Gorini 6 (3/4), Valerio, Spreafico L. 6 (1/3, 1/3), Formica A. 12 (5/6), Bagnara 5 (1/1, 0/1), Brunetti F. 4 (2/3), Vanloo J. 11 (0/1, 3/9), Rimi G. ne.


Una cocente delusione ma una grande partita e una squadra di valore. Le biancoverdi escono sconfitte dal Palaromare ma a 7 secondi dalla fine avevano ancora in mano la Supercoppa 2016. Poi una magia di Anderson con un rimbalzo catturato su tiro di Masciadri ha ribaltato il risultato e la supercoppa resta a Schio per l’ottava volta. Ragusa ha giocato alla pari con le tradizionali avversarie, ha avuto un calo nel secondo quarto, ha ripreso la partita nel terzo quarto andando prepotentemente in vantaggio e lo ha tenuto fino alla fine, o quasi. Finale irresistibile che ha segnato una serata di sport vero.

Coach Lambruschi esce dal Palaromare con alcune certezze. A cominciare dalla bontà delle scelte di mercato con Nicholls e Vanloo su tutte. La belga ha comandanto gioco da par suo ed è stata autrice di alcuni tiri da 3. Bene anche Nicholls, uscita fuori alla distanza e Formica che ha tuttavia ecceduto negli errori da sotto. E’ evidente che con l’innesto di Astou Ndour la storia sarà tutta un’altra e la Passalacqua sarà ancora protagonista. Peccato davvero per una sconfitta arrivata sul filo della sirena.

Per la Passalacqua Ragusa iniziano il match Nicholls, Consolini, Gorini, Formica e Vanloo. Primo quarto con le due squadre che si rincorrono con Vanloo e Spreafico da un lato e Sottana e Yacoubou nella lista delle realizzatrici da 3. Finisce 18 pari. Secondo quarto ancora all’insegna dell’equilibrio. La tripla di capitan Masciadri scuote l’inerzia dell’incontro, ma Nicholls risponde subito con un tiro da tre che riporta il punteggio in parità. Vanloo ancora da 3 e porta sotto Ragusa ma il secondo quarto si chiude con la tripla di Martinez che fissa il punteggio sul 40-33 in favore del Famila. Al rientro dagli spogliatoi il Famila prova subito ad allungare: Martinez da due e Sottana da tre portano il punteggio sul 45-33 dopo 1.47 di gioco. Ragusa si riporta sul meno 7 dopo quattro minuti dall’inizio del quarto. I primi due punti ufficiali di Federica Brunetti, riportano sotto le bianco-verdi, che riducono lo svantaggio a tre soli punti. Altri due punti di Brunetti e una tripla di Nicholls segnano il sorpasso della Passalacqua sulle padroni di casa ora in difficoltà e anche un po’ in confusione. Il terzo quarto si chiude sul 54-58 in favore delle aquile.

Coach Mendez manda in campo Macchi, che non era ancora mai entrata sul parquet, decidendo così di affidarsi alla sua classe, nonostante le sue precarie condizioni fisiche. E la numero 25 scledense a concretizzare il controsorpasso delle bianche di casa. Il punteggio è 63-62 per Schio a 5’ dal termine dell’incontro. Nicholls e Yacoubou sono le protagoniste in questa fase caratterizzata dalla fisicità. A 49 secondi secondi dalla fine il punteggio è sul 65-66 per Ragusa. Mancano 7 secondi dal termine, rimessa per il Famila Wuber Schio, con Sottana che tenta le penetrazione ma il suo tiro colpisce il ferro, arriva dalle retrovie Jolene Anderson, che cattura il rimbalzo e, in sospensione, insacca il canestro della vittoria proprio sulla sirena finale.