Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1512
RAGUSA - 12/09/2016
Sport - Motori: la manifestazione ha coniugato prove di abilità e visite alle città barocche

Il 21mo Autogiro degli Iblei alla coppia De Simone-Lo Nardo

La competizione di regolarità classica promossa dal Veteran Car Club Ibleo ha fatto centro Foto Corrierediragusa.it

L’equipaggio De Simone-Lo Nardo, a bordo di una Lancia Ardea del 1952, si è aggiudicato la 21ma edizione dell’Autogiro della provincia di Ragusa. La competizione di regolarità classica promossa dal Veteran Car Club Ibleo si è conclusa dopo una quattro giorni molto intensa con la cerimonia di premiazione. Sono state le prove speciali di abilità a determinare la classifica finale. Alle spalle dei vincitori secondo l’equipaggio Nicolosi-Ferreri su Alfa Romeo Giulia del 1965 mentre sul gradino più basso del podio si è piazzato il duo Catalano-Vario su A112 Abarth del 1973. Sono stati 89 gli equipaggi che hanno animato l´edizione 2016 dell’Autogiro. Questi i primi classificati per ogni categoria. Il duo De Simone-Lo Nardo ha ottenuto la posizione di vertice anche nella categoria di riferimento, vale a dire la Classic.

Al primo posto nella Post Classic, invece, l’equipaggio Nicolosi-Ferreri mentre Catalano-Vario si sono classificati al primo posto nella categoria Modern. L’equipaggio Verzera-Mirenda su Fiat 508 C del 1938 è arrivata prima nella categoria Post Vintage mentre al vertice nella Vintage, su Ford A del 1928, l’equipaggio La Rocca-Turchi. Come da tradizione l´Autogiro ha toccato i luoghi più significativi degli Iblei dal punto di vista monumentale e paesaggistico. Prima giornata a Ibla, poi Modica, Punta Secca, Marina di Ragusa e ultimo giorno a Ispica dove i partecipanti si sono cimentati in quella che era l’ultima prova di abilità tra le quattro programmate nel corso della competizione.

«E’ stata una coinvolgente edizione dell’Autogiro –dice il presidente del Veteran, Antonino Provenzale, assieme ai componenti del consiglio direttivo– Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla piena riuscita della kermesse ormai diventata una classica nel panorama nazionale dell’Asi, l’Automotoclub storico italiano che ci supporta. Grazie anche al commissario Asi, Stefano Cerrone, che ha dimostrato grande professionalità. Siamo pronti, a questo punto, per programmare le edizioni 2017 delle nostre manifestazioni, a cominciare da moto storiche che si terrà nel mese di maggio».