Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1142
RAGUSA - 05/05/2016
Sport - Basket, A1: stasera la terza partita che le biancoverdi giocano quest’anno al PalaRomare

Nadalin suona la carica: "Ritmo per battere Schio e andare in finale". Maxischermo al PalaMinardi

Chi vince affronta Lucca che ha superato Venezia nell’altra semifinale in due gare Foto Corrierediragusa.it

Non c’è due senza tre. La Passalacqua insegue la terza vittoria dell’anno al Palaromare. In campionato le biancoverdi superano le orange con autorità ed altrettanto è accaduto nella finale della Coppa Italia che vide trionfare le ragusane dopo un testa a testa fino alla fine. Ora la terza «visita» al palazzetto scledense e si tratta del match che decide. La vittoria vuole dire finale contro Luca, che osserva da interessata spettatrice la sfida essendosi già qualificata battendo Venezia, la sconfitta significa uscire dal gioco.

Jenifer Nadalin (foto), capitano biancoverde, è la grande ex della gara, dall’altra parte ci saranno Giulia Gatti e Ashley Walker, e vuole prendersi lo scudetto prima di rientrare definitivamente in Canada chiudendo la sua stagione italiana. Dice il capitano: «Dobbiamo affrontare gara 3 come abbiamo fatto martedì sera. Se corriamo e diamo velocità alla nostra azione non ci stanno dietro. Sarà naturalmente difficilissimo perché loro giocano in casa e sono molto motivate. Loro sono abituate a vincere ma noi abbiamo capito come batterle e cercheremo di farlo anche stavolta». Coach Lambruschi punta proprio sulla velocità e sulle chiusure difensive per bloccare le scledensi. Il gioco delle orange si inceppa se il quintetto viene attaccato in velocità e questa sarà la chiave tattica della partita. Chiudersi e pressare sarà altro elemento determinante per costringere le avversarie a tirare da lontano o metterle in difficoltà.