Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 613
RAGUSA - 22/03/2016
Sport - Basket, A1: la vittoria di S. Martino di Lupari dà fiducia a tutto l’ambiente

Passalacqua pronta per sfide a Lucca, Schio e Final four

Sabato al palaMinardi la sfida alla capolista, reduce dalla sconfitta interna con Schio Foto Corrierediragusa.it

La Passalacqua entra nella fase calda della stagione. Neanche il tempo di archiviare la vittoria con il S. Martino di Lupaari che bisogna subito pensare ai prossimi impegni. Sabato c’è la capolista Lucca, poi bisognerà giocare la Final four e quindi si chiude il periodo terribile con Schio ancora in casa. Tre partite che possono dire molto, anzi qualificare una intera stagione ma coach Gianni Lambruschi (foto di Giovanni Cassarino) vuole andare per gradi. Intanto tutto l’ambiente biancoverde si «gode», sportivamente parlando, la sconfitta di Lucca per mano di Schio.

In termini pratici vuol dire che le distanze tra Lucca e le due inseguitrici si sono accorciate. E’ vero che restano quattro punti di differenza ma Schio e Ragusa hanno una partita in meno. La Passalacqua ha in mano le due carte che possono ridarle la vetta dovendo giocare prima con Lucca e poi con Schio, sempre al PalaMinardi. Servirà la migliore formazione e la migliore prestazione a cominciare da sabato. Dice coach Gianni Lambruschi: «Questi 15 giorni di allenamenti ci hanno fatto fare sicuramente un salto di qualità. Diciamo che se avessimo giocato come a Orvieto, probabilmente a San Martino avremmo perso. Non è la prima volta che iniziamo con imprecisione in attacco, nonostante costruiamo tiri più che discreti e questa è una delle cose che vanno corrette. Però l’importante era vincere e dare la dimostrazione di forza. I prossimi impegni? Sono partite che ci possono lanciare, che ci possono dare convinzione e fiducia, e sono impegni da sfruttare al meglio, d’altra parte il progetto è grande e quindi è normale che ci si debba confrontare con questo tipo di impegni».

E’ successo domenica:
Fila S. Martino di Lupari - Passalacqua Ragusa: 54-69 (11-6, 19-30, 38-56)

Passalacqua Ragusa: Consolini 13, Gorini, Erkic 11, Little 16, Brunson 17; Valerio, Ngo 2, Gonzales 8, Nadalin 2, Micovic


Missione compiuta. La Passalacqua incamera i due punti sul parquet del PalaLupe padovano e guarda con fiducia ai prossimi impegni. Alla fine sono stati 15 i punti di distacco dalle gialloblu locali ma come accade spesso alle aquile la partita era cominciata in salita. Le «lupe» infatti si sono portate avanti nel primo quarto grazie agli errori sottocanestro delle ragusane che hanno riscaldato la mano solo a partire dal secondo quarto. Brunson e Little ancora una volta hanno cominciato a «girare» e per le padrone di casa non c’è stato nulla da fare.

La Passalacqua ha cominciato a giocare come piace al suo tecnico. Difesa stretta e transizioni veloci. La Passalacqua è andata al riposto con un vantaggio di 11 punti e il terzo quarto ha dato un vantaggio ancora più consistente a Nadalin e compagne. Giannolla e Bailey tra le padroni di casa sono state ben contenute ma a coach Abignente non è andata gù qualche decisione arbitrale tanto da essere espulso. Nell’ultimo quarto Gianni Lambruschi ha «rispolverato» Ngo Djockk e Valerio mandandole in campo per un successo che dà fiducia a tutto l’ambiente e prepara al meglio per la Final four del primo fine settimana di Aprile che si giocherà a Schio.

Intanto a Lucca la sfida al vertice tra le locali e Schio è andata alle scledensi che con una gara di grande qualità hanno prevalso. Due i punti di differenza, 66-68, e campionato rimesso in discussione perchè ora sia Schio sia Ragusa sono a 4 punti dalla capolista ma con una gara in meno.