Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 385
RAGUSA - 08/03/2016
Sport - Basket, A1: le biancoverdi non giocano domenica prossima per il rinvio del match con Schio

Passalacqua rinfrancata, ma Lambruschi vuole grinta

Il tecnico potrà lavorare per due settimane su tecnica e schemi prima della trasferta di S. Martino Foto Corrierediragusa.it

Coach Gianni Lambruschi è più rilassato dopo Orvieto. Ha visto vincere la sua squadra con una certa spigliatezza e si prepara a lavorare intensamente per due settimane prima di affrontare la trasferta di S. Martino di Lupari. Poi la Final four che si giocherà a Schio e quindi la gara di recupero di campionato contro Schio in casa, rinviata per impegni di Coppa europei delle scledensi. Un intenso periodo per le biancoverdi che dovranno essere al meglio non tanto dal punto di vista fisico atletico quanto nell’automatismo negli schemi tattici e nei movimenti in campo, come piace al tecnico emiliano.

Dice Lambruschi a mente fredda esaminando la situazione in casa biancoverde: «Abbiamo affrontato la partita con la giusta mentalità ed abbiamo messo in campo una prestazione più che discreta. Siamo riusciti anche prendere anche un discreto vantaggio anche se alla fine sono venuti fuori i limiti di amalgama che abbiamo in questo momento, soprattutto nell’attacco alla zona, dove abbiamo regalato qualcosa, con tiri che avevano poco senso. Rispetto alla partita con Napoli abbiamo fatto un passettino in avanti anche singolarmente. In questo momento del campionato ci sono pochi punti a disposizione, si buttano sul campo tutte le energie e i risultati sono tutti abbastanza contenuti, questo vale anche per Orvieto che per raggiungere la salvezza ha bisogno di due punti e deve cercare di farli in casa. Diciamo che la vera Passalacqua la dovremmo vedere a San Martino tra 15 giorni. Sarà senz’altro una squadra un po’ più guardabile e con qualche alibi di meno».

E´ successo domenica:
Ceprini Orvieto-Passalacqua Ragusa: 56-66 (14-14, 22-30, 39-51)

Passalacqua Ragusa: Consolini 8, Gorini 6, Erkic 6, Little 7, Brunson 21; Micovic 7, Valerio, Gonzales 5, Nadalin 6

Le aquile tornano a volare. Lo fanno con autorità sul parquet non facile di Orvieto e scacciano così le streghe della sconfitta con Napoli. Era la risposta che coach Gianni Lambruschi voleva ed ha avuto non solo in termini di punteggio. Il quintetto si è mosso bene soprattutto nella fase finale quando ha surclassato anche fisicamente le padroni di casa. Bene Brunson ma tutta la squadra ha girato. Primo quarto in sordina per le iblee che si fanno raggiungere sul 14 pari.

Poi le ragusane cominciano a macinare gioco e soprattutto la difesa non lascia spazi e si va così in vantaggio per il riposo lungo. Il terzo quarto vede Ragusa in cattedra con Brunson che piazza alcuni tiri da tre e Micovic che scalda le mani, dall´altra parte l´ex Ivezic le prova tutte a nulla può e alla fine per lei saranno 11 punti. Per Ragusa il vantaggio arriva a +11. Ragusa costruisce così la vittoria e fissa il finale con un buon 10 punti di scarto. Ora si torna a lavorare per due settimane per la sosta per ritrovare condizione e soprattutto perfezionare gli schemi.