Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 542
RAGUSA - 05/02/2016
Sport - Basket, A1: i tifosi hanno accolto calorosamente il nuovo tecnico, domenica l’esordio

Gianni Lambruschi è arrivato. Il nuovo coach della Passalacqua riparte dal match con Umbertide

Sabato primo e unico allenamento prima della gara contro le umbre, all’andata vittoriose sulle ragusane Foto Corrierediragusa.it

Gianni Lambruschi (foto)è arrivato. Sabato incontra la squadra e domenica sarà in panchina per la sua prima partita da coach della Passalacqua. La prima tappa del nuovo tecnico, catapultato da Lugano dove ha svolto il ruolo di secondo nel Lugano Tigers nella Lega svizzera, è stata Marina dove Lambruschi è stato calorosamente accolto da alcuni tifosi, che gli hanno donato la sciarpa "vedosolobiancoverde". Tante le pacche sulle spalle e gli incoraggiamenti per l´ex tecnico della Virtus che ha lasciato in città ricordi di momenti esaltanti come la promozione in A2. Il tecnico si è detto felice di guidare una squadra ambiziosa come la Passalacqua.

Conosce già il capitano Jenifer Nadalin per averla diretta in nazionale così come Consolini e Gorini. Lambruschi non è certamente un pesce fuor d´acqua anche se è stato lontano qualche anno dal basket femminile. A lui Gianstefano Passalacqua si è affidato per il dopo Molino, il tecnico della promozione e delle finali scudetto con il quale il rapporto si è interrotto bruscamente. Gianni Lambruschi parte con una squadra desiderosa di dimostrare tutto il suo valore e il supporto dei tifosi, pur dispiaciuti per l´abbandono di Molino. Al quale sarò dedicato uno striscione proprio domenica quando la Passalacqua affronta Umbertide. Una partita non facile per tanti motivi e sulla quale tocca proprio a Gianni Lambruschi riportare subito l´attenzione.

La scelta della società

Gianni Lambruschiè il successore di Nino Molino sulla panchina della Passalacqua. Il presidente ha risolto in 48 ore la crisi tecnica e il nuovo coach sarà in sede venerdì per preparare la sfida di domenica contro Umbertide. Una scelta probabilmente già maturata da parte di Gianstefano Passalacqua che ha fatto appello alla ragusanità di Gianni Lambruschi che proprio con la Virtus ha vissuto alcuni dei migliori momenti della sua carriera. Il neo tecnico biancoverde non fa mistero di tornare volentieri nel capoluogo ibleo: «A Ragusa ritrovo tanti amici e tante speranze, oltre ad una società importante, dove si può fare bene. La storia del maschile è ormai acqua passata. A Ragusa spero di avere tanto credito dal punto di vista umano, ma da quello professionale ricomincio da zero, perché ho tutto da dimostrare. Purtroppo avrò poco tempo per lavorare a causa della pausa della nazionale, ma ritrovo Nadalin che ho avuto con la nazionale maggiore, oltre a Valerio e Consolini che avevo invece con l’under 20. Brunson l’ho incontrata da avversaria, quando era a Taranto ed io a Ribera. Della Passalacqua? Ho seguito tutta la storia, poteva tranquillamente arrivare in A1 saltando le promozioni e invece se l’è volute guadagnare sul campo, e questa cosa mi ha fatto molto interessare, perché le ambizioni certe volte sono realizzabili con poco sacrificio, voglia di sacrificio che invece c’è in questa società».

L´arrivo di Lambruschi non è dunque un salto nel buio ed è per questo motivo che il presidente non ha avuto dubbi sul dopo Molino forse cullando già questa ipotesi da quando non ha visto una squadra reattiva e caratterialmente forte. Gianni Lambruschi è stato alla Virtus prima dal 1990 al 1994 in serie B d’Eccellenza e poi nei campionati 1997-1998, 1998-1999 e 1999-2000, il primo dei quali culminato con la storica promozione in serie A2 contro Barcellona Pozzo di Gotto. In ambito femminile, Lambruschi ha allenato la Pool Comense, dal 2003 al 2005, conquistando lo scudetto il primo anno, ed è stato allenatore della nazionale maggiore dal 2004 al 2007 e dell’under 20. Nel campionato 2006-2007 ha invece allenato Ribera, sempre in A1 femminile. Nella stagione in corso era il secondo dei Lugano Tyger, attualmente al quarto posto della Lna svizzera.