Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1121
RAGUSA - 03/02/2016
Sport - Basket, A1: in un comunicato l’ex tecnico biancoverde ringrazia atlete, staff e dirigenza

Troppe ombre su esonero Nino Molino. Passalacqua sceglie tra Santino Coppa e Gianni Lambruschi

Decisiva la sconfitta di Vigarano e la paura di restare anche in questa stagione a mani vuote Foto Corrierediragusa.it

La Passalacqua ha voltato pagina ma troppe domande restano ancora senza risposta. Sui veri motivi che hanno portato Gianstefano Passalacqua a tranciare il rapporto con il tecnico della promozione in A e dell´affermazione di società e squadra nell´olimpo del basket femminile nazionale tutti preferiscono osservare il silenzio trincerandosi dietro parole formali. Lo strappo è stato troppo forte per essere liquidato così e certo non aiutano neanche le parole di Nino Molino che ringrazia tutti, rassicura sul suo buon rapporto con atlete, dirigenti e staff e se ne va quasi come se niente fosse accaduto. Lo stesso ha fatto il presidente che negli ultimi tre anni ha stretto un rapporto di piena sintonia con Nino Molino lasciando così campo aperto a interpretazioni in libertà.

Molino ha avuto alle spalle una società che ne ha assecondato scelte e progetto tecnico ed è stato bravo anche a gestire il rapporto con l´ambiente, tifosi compresi. Ha avuto il torto di non vincere niente nonostante un organico di qualità. Non ha centrato la finale di Coppa Italia tre anni fa nonostante giocasse in casa, ma la Passalacqua era una matricola. Ha sciupato negli ultimi 90 secondi uno scudetto quando a Schio non ha saputo gestire gli ultimi minuti di gara. E quest´anno è incappato in campionato in due sconfitte improbabili. Quella di Vigarano ha fatto saltare il tappo perche il presidente non ha gradito e si è reso forse conto che al fondo dell´uomo non c´è mentalità vincente o quella grinta che serve trasmettere alla squadra per vincere. Non ha convinto neanche la gestione delle giovani italiane arrivate in estate che hanno assunto atteggiamenti da giocatrici consumate quando ancora devono crescere e maturare. Il presidente ha messo tutto insieme, forse convinto che anche quest´anno visto l´andazzo non sarebbe arrivato alcun titolo ed ha deciso di cambiare in corsa.

Tutto da verificare se sia stata la decisione giusta ma è un piccolo salto nel buio. Molto dipenderà da chi arriva e a questo proposito il presidente ha due nomi sulla sua scrivania. Il primo è quello di Gianni Lambruschi (a dx. nella foto con Santino Coppa), ex tecnico vincente della Virtus Ragusa, che con la città ha avuto un rapporto speciale e di cui conosce uomini e cose. E´ stato tecnico della nazionale femminile e della Comense e consoce quindi anche il pianeta donne. Altro nome è quello dell´artefice del miracolo Priolo, Santino Coppa, gran conoscitore del campionato, pronto a prender in mano la squadra. Vincente, entusiasta, ha un rapporto di antica data con Gianstefano Passalacqua.

L´esonero di coach Nino Molino
Terremoto Passalacqua. Nino Molino è stato sollevato dall´incarico di allenatore. Questa la decisione assunta dalla dirigenza biancoverde al termine di una riunione serale nel corso della quale il presidente Gianstefano Passalacqua è stato irremovibile. La sconfitta di Vigarano per come è maturata non è piaciuta e il presidente ha deciso per dare il benservito al tecnico che ha portato in A1 la Passalacqua ad imporsi nel panorama del basket nazionale sfiorando per ben due volte lo scudetto. Tutto cancellato con una spugna compresi quei rapporti che sembravano saldi tra presidente e coach. Nella decisione della società ha pesato anche un rapporto non idilliaco con qualche giocatrice italiana che con Molino ha avuto diversità di vedute in campo e fuori.

Laconico il comunicato della società con il quale si dà notizia di avere affidato la conduzione tecnico al duo Recupido-Ferrara. Certamente arriverà un nuovo tecnico in casa biancoverde ma sarà difficile trovarne uno a metà stagione visto che c´è poco o nulla che possa essere all´altezza delle ambizioni della squadra. Molto lo sconcerto tra i tifosi che si sono schierati dalla parte del tecnico e chiedono spiegazioni alla società augurandosi che l´avventura della Passalacqua non finisca qui. Nino Molino è rimasto in silenzio ma qualcuno aveva sussurrato la difficile situazione del tecnico che nel pomeriggio non ha allenato la squadra per la consueta seduta al PalaMinardi. Poi la riunione del direttivo e la decisione dell´esonero. Sarà una settimana difficile per squadra e società.