Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 606
RAGUSA - 31/01/2016
Sport - Rugby, serie C: match con tanti capovolgimenti di fronte, decide capitan Peppe Iacono

Padua inizia bene la corsa alla promozione, battuta la Nissa

Il campionato si ferma per due settimane, poi trasferta a Monopoli Foto Corrierediragusa.it

Padua Rugby-Nissa:16-15

Il Padua comincia bene la seconda fase della stagione che dovrà portare una delle sei squadre del girone alla promozione in B. Il derby siciliano va ai ragusani seppur di stretta misura ed è un risultato importantissimo non solo per la classifica ma soprattutto per il morale. Fra tre domeniche, quando cioè riprenderà il campionato, gli iblei potranno affrontare la trasferta di Monopoli con relativa tranquillità, forti del successo ottenuto ai danni di una squadra che sembrava imbattibile e raggiunto allo scadere di 80 minuti giocati tutti al massimo dell’intensità.

I primi minuti sono tutti di marca nissena, che hanno giocatori di categoria superiore del calibro di Alessandro Aimi, Emiliano Di Maura e Antonino Palmieri. Ma gli attacchi dei tuttiverdi si infrangono sulla barriera alzata dai ragusani, che si difendono con ordine. Dopo una quindicina di minuti i biancazzurri finalmente si fanno vedere nella metà campo ospite e ci restano per quasi tutto il resto del primo tempo. Se in questa frazione di gioco la mischia nissena mette spesso e volentieri in difficoltà il pacchetto ibleo, sono i trequarti ragusani a fare la differenza, con giocate veloci e ficcanti che però arrivano solo a sfiorare la meta.

Lo score si muove unicamente al 20´, grazie a una punizione calciata da Peppe Iacono, per lui oggi 100 partite da capitano, e poi nient’altro. Non per questo il centinaio di spettatori presenti al «della Costituzione» ha assistito a una partita noiosa. Tutt’altro. La ripresa si apre con la meta della squadra ospite. Calcetto a seguire del capitano ibleo, il vento blocca la corsa del pallone che, rimbalzando a terra, coglie di sorpresa tutta la difesa biancazzurra, permettendo così a Federico Dall’Aira di andare a violare la meta ragusana. Di Maura sfiora l’acca ed è 3 -5. I ragusani non demordono e prendono in mano il pallino del gioco. Intorno al 50´, al termine di un carrettino che si forma da una touche sui 5 metri, Albert Di Grandi schiaccia in meta ma il signor Censabella inspiegabilmente annulla la marcatura e assegna un calcio di punizione ai ragusani. Peppe Iacono batte veloce e va a schiacciare al centro dei pali. Con la conseguente trasformazione che fa 10-5.

La Nissa insiste e si porta in avanti e Andrea Lo Celso riesce a riportare avanti la propria squadra, 10-12. Al 70´ Peppe Iacono (foto), con un calcio di punizione, riporta in vantaggio il Padua. Due minuti dopo è Di Maura a risorpassare i ragusani. 13 a 15. Al 76´ una frizzante azione dei trequarti iblei obbliga a un placcaggio pericoloso Alessandro Aimi che gli costa un giallo.

Con l’uomo in più il Padua ci crede ma le occasioni sfumano per un niente. Fino a quando, siamo all’ultimo giro di lancette, un tenuto in ruck dei nisseni dà a Peppe Iacono l’occasione di riportare avanti la propria squadra. La posizione è centralissima, la distanza minima, l’ovale passa in mezzo ai pali. 16 a 15 e si finisce qui.