Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1093
RAGUSA - 17/01/2016
Sport - Rugby, serie C: battuto nettamente l’Audax, match caratterizzato dal vento

Il Padua fa suo il derby e approda in poule Promozione

Inutile la vittoria del Clan Messina a Siracusa. A fine mese comincerà la nuova fase della stagione Foto Corrierediragusa.it

Padua Rugby-Audax Ragusa: 41-18

Il primo obiettivo stagionale del Padua Rugby Ragusa è assciurato. I paduini si sono inffatti assicurato la qualificazione alla Poule Promozione del campionato di serie C grazie alla vittoria nel derby contro l´Audax.
Ai biancazzurri di coach Greco non è stato necessario attendere risultati degli altri campi visto che hanno sbrigato la formalità «passaggio del turno» battendo la squadra di Alessandro Di Pasquale e così rendendo inutile la contemporanea vittoria dei messinesi in casa del Syrako. Al «della Costituzione» di Ragusa le due squadre, oltre a giocare contro, hanno dovuto fare anche i conti con un terzo avversario, il vento, che ha fortemente condizionato l’incontro. Nel primo tempo l´Audax è stato favorito grazie proprio al vento che soffiava alle sue spalle tanto che ha chiuso in vaantaggio seppure di un punto. Nel secondo tempo, il vento ha dato una mano ai biancazzurri, le differenze in campo sono state nette e il Padua ha dilagato.

Dopo i primi minuti l’Audax a passare in vantaggio. Al 6´ i giocatori di Di Pasquale da qualche minuto si sono installati stabilmente nei 22 paduini e stanno dominando in mischia chiusa. Si gioca una mischia, l’ovale è vinto dagli ospiti, il mediano calcia alto a seguire, la difesa biancazzurra è lenta nel ripiazzarsi e Giorgio Passalacqua fa suo il pallone e si tuffa in area di meta. Il forte vento disturba la trasformazione di Salvatore Bellina Terra e il punteggio si ferma sullo 0 a 5. Il Padua cerca di reagire ma il vento e alcune scelte sbagliate (come ad esempio quella di provare ad avanzare con i calci) tengono nella loro metà campo i padroni di casa.
Al 14´ e al 22´ due falli biancazzurri permettono al piede di Bellina Terra di allungare.

I paduini sembra non riescano a trovare il bandolo della matassa e arrancano. Ma dopo lo 0 a 11 qualcosa cambia. L’Audax probabilmente inizia a sentire la fatica, mentre i giocatori di casa comprendono come giocare. E si fanno sotto. Al 26´ per la prima volta si affacciano nei 22 avversari e colpiscono duro. Touche a 10 metri, e il Padua Express che va a prendersi i suoi primi 5 punti di giornata. Capotreno Gianfranco Arrabito. 5 a 11.
Passano 6 minuti e un fallo di antigioco costa il giallo a Giorgio Spadaro. Con l’uomo in più gli spazi si aprono nella difesa ospite e al 34° una punizione battuta veloce da Peppe Iacono permette ad Arrabito di violare per la seconda volta l’area di meta avversaria, 10 a 11, e tempo finito.

La ripresa inizia con un’azione folgorante di Peppe Iacono che brucia tutta la difesa ospite e poi scarica ad Alessandro Cappa (foto) che va a schiacciare al centro dei pali. Questa volta l’apertura biancazzurra centra l’acca, 17-11. Al 48´ arriva la meta del bonus per il Padua. La segna Giovanni Tumino, 22 a 11 e partita praticamente già finita.

L’Audax è stanca, risalire il campo alla mano diventa un’impresa e tutte le volte che il pallone finisce nelle mani del Padua viene ricacciata indietro con un calcio o con una bella giocata alla mano. I paduini hanno ancora benzina nei serbatoi, gli audaxini arrancano. Al 59´ c’è bis di Cappa, con i due punti di Peppe Iacono fa 29 a 11. Al 72´ 72´ è Adriano Scrofani ad infierire contro la sua ex squadra. 34 a 11.

A questo punto il Padua alza il piede dall’acceleratore e perde un po’ di concentrazione. Ne approfitta al 77´ Passalacqua per rendere meno pesante il risultato. 34 a 18.Ma il Padua non vuole chiudere lasciando in ricordo al centinaio di audaci spettatori che hanno osato sfidare il gelido clima la meta subita e si riversa subito in attacco, trovando la marcatura, proprio allo scadere, con Paride Vona, alla sua seconda segnatura consecutiva.