Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 618
RAGUSA - 23/12/2015
Sport - Basket, A1: le biancoverdi chiudono in testa alla classifica grazie al successo di Torino

Coach Molino: "Passalacqua non sognare, la strada è lunga"

La squadra si radunerà martedì 29 per preparare il match interno contro Venezia Foto Corrierediragusa.it

Rincorsa esaurita ma non bisogna mollare. E´ un dolce Natale per le aquile che sono tornate vittoriose da Torino nonostante non abbiamo disputato una delle loro migliori partite. Per completare il girone di andata resta solo la gara interna contro Venezia, che segue a soli due punti in classifica appaiata a Schio. Un altro match da preparare con cura e attenzione per non disperdere gli effetti di un dicembre magico per le biancoverdi, capaci di inanellare le due vittorie esterne sul campo delle squadre allora capolista. Prima Schio e poi Lucca sono cadute sotto i colpi di Brunson e compagne che si pongono con autorevolezza come serie candidate per la Coppa Italia innanzitutto e poi per lo scudetto.

Coach Nino Molino (foto) vuole comunque restare con i piedi a terra e guardare al presente: "Chiudiamo il 2015 in testa, così come abbiamo fatto nel 2012 e nel 2014 mentre nel 2013 eravamo secondi. Risultati eccellenti, conseguiti sia dalla squadra sia come riconoscimenti vari, che non sono altro che il frutto del lavoro di tutta l’equipe: dello staff tecnico, di quello medico e di quello dirigenziale. Siamo molto contenti di quello che è stato il percorso di questa annata e anche di questa stagione, anche perché non era facile ripetersi a certi livelli, considerando i cambi delle giocatrici, il preparatore atletico che è stato cambiato e le straniere arrivate dopo: tutte difficoltà che ci sono state, ma che le ragazze sono state brave a non fare diventare insormontabili.

Questo primo posto parziale assume tra l’altro una valenza maggiore, perché oltre a tutte queste problematiche c’è da dire che abbiamo vinto a Napoli, Schio e Lucca, che nel girone di ritorno dovranno venire in casa. Questo ovviamente non significa che dobbiamo dare per scontato qualcosa perché di scontato non c’è niente. Abbiamo solo iniziato il nostro percorso e dobbiamo fare in modo che il mese di gennaio possa essere quanto più produttivo possibile sotto il profilo del lavoro, dato che poi a febbraio ci sarà sia la coppa che la pausa della nazionale». Il gruppo si radunerà martedì 29 per la ripresa degli allenamenti in vista del match del 3 gennaio.

E´ successo martedì:
Fix Piramis Torino - Passalacqua Ragusa: 57-68 (16-16, 30-32,39-47)

Passalacqua Ragusa: Consolini 6, Gorini 2, Erkic 17, Little 11, Brunson 10; Gonzales 10, Nadalin 4, Micovic 8, Valerio, Ndjock


La Passalacqua vince sul Moncalieri e resta in vetta alla classifica. Pure Lucca e Schio hanno vinto e le distanze non cambiano. Nel finale le biancoverdi sono riuscite a venire a capo della partita e a mettersi a distanza di sicurezza con le padrone di casa. Fino a metà del terzo tempo la Passalacqua è stata infatti a tre o sei punti di distacco, poi aumentando gradatamente la capacità realizzativa. La squadra di Molino ha avuto infatti una bassa percentuale sotto canestro almeno nella prima parte della gara anche perchè Torino si è difeso bene con Smith e Anderson. Bene anche la greca Sotiriou che è risultata alla fine la migliore realizzatrice del match; le torinesi hanno mancato soprattutto in fase di attacco tanto che per lunghi tratti, vedi ben 7´ del terzo tempino, non hanno realizzato neppure un punto.

Primo quarto sostanzialmente pari non solo nel punteggio; si vede subito che Erkic è in buona serata e spinge le sue compagne. Accelera la Passalacqua nel secondo quarto ma le distanze non mutano di tanto. Troppi errori sotto canestro e la squadra di Lele Petrachi insegue da presso. La svolta arriva nell´ultimo quarto perchè la Passalacqua piazza alcune buone transizioni con Erkic, Brunson e Nadalin e si porta a distanza di sicurezza. Arrivano i due punti e il primato è assicurato. Ora tutti in vacanza fino alla fine dell´anno e poi si ricomincia da Venezia.