Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 553
RAGUSA - 06/11/2015
Sport - Basket, A1: si gioca la sesta giornata, Schio in trasferta a Torino

Passalacqua deve vincere con Parma per dimenticare Umbertide

La prima sconfitta stagionale attarda le ragusane sulla coppia di testa formata da Lucca e Schio Foto Corrierediragusa.it

Dimenticare Umbertide. E´ tassativo l´obbligo delle aquile nell´affrontare Parma davanti ai propri tifosi dopo lo scivolone della scorsa settimana. I tifosi potranno vedere all´opera Rebekkah Brunson (foto)per la quale l´esordio contro le umbre non è stato certamente fortunato.Coach Molino ha lavorato in settimana per inserire l´americana negli schemi e l´americana avrà un ruolo decisivo nello sviluppo del gioco offensivo delle biancoverdi. Parma è a sei punti in classifica e reduce dalla convincente vittoria contro Orvieto. Osso duro quindi per le biancoverdi anche se sulla carta la differenza tecnica è tutta per le ragazze di Nino Molino.

Dice l´assistant coach,, Maurizio Ferrara: " Le emiliane sono un gruppo compatto, che sta giocando bene con ottimi risultati, che ha meccanismi molto oleati, con spiccate doti offensive, specie da tre punti. In cabina di regia troviamo Zara, elemento di grande esperienza, che sembra quasi che ogni anno debba smettere e invece si ripresenta in buone condizioni, ha la fiducia assoluta dell’allenatore; Spreafico nel ruolo di guardia: dopo gli anni a Schio cerca di essere protagonista in questo campionato ed in parte ci sta riuscendo, risultando molto efficace nel tiro da tre punti dove sta tirando con ottime percentuali con grandi letture in uscita dai blocchi. Poi abbiamo Clark, anche lei grande realizzatrice e migliore marcatrice della squadra, anche lei punto di forza, atleta potente, con grande capacità di giocare uno contro uno ma anche da tre; Brezinova e Ugoka nelle lunghe, quest’ultima eletta migliore straniera della serie A1 della scorsa stagione, giocatrice con grande forza fisica, dunque da contenere vicino al canestro; Brezinova una lunga anomala, che sa giocare sia dentro che fuori dall’area".