Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1458
RAGUSA - 28/10/2015
Sport - Basket, A1: l’americana ha ottenuto il visto, giovedì la presentazione ufficiale

Arriva Rebekkah Brunson, ora la Passalacqua è al completo

Soddisfazione nell’ambiente biancoverde e di coach Nino Molino che potrà lavorare a rangghi completi Foto Corrierediragusa.it

Rebekkah Brunson (foto) è a Ragusa. La giocatrice americana sarà presentata giovedì pomeriggio ufficialmente al PalaMinardi e per l´occasione conoscerà le sue nuove compagne. Coach Nino Molino è il più soddisfatto perchè potrà cominciare a lavorare a ranghi completi e dare un assetto definitivo alla sua squadra. L´arrivo di Rebbekkah Brunson si è protratto di qualche giorno a causa delle lungaggini nel rilascio del visto ma alla fine tutto si è risolto per il meglio, Per l´ala, ex Minnesota Lynx, subito dopo la presentazione il primo allenamento che potrebbe preludere ad un utilizzo seppur parziale nella prossima gara di domenica sul campo di Umbertide. Deciderà comunuque coach Molino verificando le condizioni di Brunson, che, bisogna dire, non ha bisogno di preparazione speicfica, avendo giocato fino a due settimane fa nel campionato americano.

La vittoria con Vigarano
Quarto successo di fila e la dimostrazione che il collettivo funziona. Camille Little, ultima arrivata, si è inserita bene, ha dimostrato ancora una volta che la società non ha sbagliato a puntare su di lei quale erede di Ashley Walker. Little mantiene ancora il primato di miglior realizzatrice del campionato dopo quattro giornate con 94 punti ed una media di 23,50. Buone anche le risposte arrivate da Consolini, Ndjock, Erkic, tutte in doppia cifra a dimostrazione che si tratta di atlete sulle quali coach Molino può fare pieno affidamento.

Coach Molino, intanto, si gode questo momento: "Un’altra buona partita che fa seguito a quella giocata a Battipaglia, dove abbiamo fatto accelerazioni importanti nei primi due quarti, ma dove a differenza della scorsa partita abbiamo un po’ smarrito il gioco offensivo nel terzo periodo per poi riprenderlo nell’ultimo quarto. Una prestazione complessivamente di buon livello che mi lascia soddisfatto. Sono soddisfatto della prestazione di squadra ed anche di quella delle singole: tutte hanno fatto canestro, e quattro sono andate in doppia cifra».

E´ successo domenica:
Passalacqua Ragusa-Vigarano: 87-45
Parziali: 23-12, 47-19, 60-36

Passalacqua Ragusa: Consolini 9, Gorini 17, Erkic 8, Nadalin 8, Little 20; Ndjock 15, Gonzales 10, Valerio, Micovic, Sorrentino


Non c´è stata partita al PalaMinardi per la seconda gara casalinga delle aquile. Viagrano, anche a causa delle assenze, si è arreso subito o quasi e per molti tratti il quintetto ospite è apparso inconsistente. Troppo netto il divario atletico e tecnico tra le due squadre e la Passalacqua ha praticamente "doppiato" e avversarie. Camille Little è stata ancora una volta la mattatrice della serata con ben 20 punti ed una serie di giocate che hanno deliziato il pubblico. Bene anche Ndjock che pur non partendo dall´inizio ha inanellato una sere di buoni canestri e pienamente convincente Gaia Gorini con i suoi 17 punti e Gonzales (nella foto di Giovanni Cassarino). La Passalacqua è partita subito bene e nel primo quarto ha già fissato la gerarchia della gara. Ben 11 i punti di differenza. Catastrofico il secondo tempo per le ospiti con Little che ha cominciato a girare a pieno ritmo.

Qui si è chiusa praticamente la partita visto che le biancoverdi con una Gorini ispirata si sono portate a + 28. Al ritorno in campo le biancoverdi hanno rallentato il ritmo ma Vigarano al di là di qualche sussulto di Tognalini non c´era proprio. Molino ha cominciato a far ruotare le sue giocatrici ed è finita con un lungo applauso per la quarta vitoria consecutiva che conferma la Passalacqua in vetta.