Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1250
RAGUSA - 09/10/2015
Sport - Basket, A1: si gioca in un PalaMinardi rinnovato di impianto elettrico e sediolini

La Passalacqua all´esordio casalingo contro il Geas

Le biancoverdi reduci dalla larga e convincente vittoria nell’’opening day contro il Cus Cagliari Foto Corrierediragusa.it

Il PalaMinardi si prepara ad accogliere le biancoverdi (nella foto: una fase dell´allenamento) nella prima gara casalinga ufficiale della stagione. I tifosi troveranno anche un palazzetto rinnovato con un più efficiente impianto di illuminazione e soprattutto con più confortevoli sediolini a tutto vantaggio degli spettatori. Little e compagne sono reduci dalla larga vittoria nell´opening day contro il Cus Cagliari e domenica (ore 18) vogliono continuare a vincere contro la neopromossa Geas Sesto S. Giovanni, società che era ai vertici del basket nazionale femminile negli anni ’70 dell´indimenticata Mable Bocchi.

Il gruppo, dopo i rientri delle azzurre Gaia Gorini e Chiara Consolini, si sta preparando a ranghi completi anche se coach Molino dovrà ancora fare a meno di Rebekkaah Brunson, impegnata nelle finali Wnba.. Nella prima giornata, Sesto San Giovanni ha battuto in volata Orvieto con 29 punti di Antiesha Brown. «Lei è il principale punto di riferimento della squadra – commenta l’assistant coach Maurizio Ferrara – Complessivamente si tratta di una squadra giovane, soprattutto con caratteristiche di velocità e dinamicità, ma che probabilmente in questo momento è penalizzata da qualche infortunio. Il play è Giulia Arturi, giocatrice d’ordine e con tanti punti nelle mani, non velocissima ma con un pericoloso tiro, produce sempre gioco per la squadra. Altra esterna è Martina Kacerik, che è in forse, e che Molino ha avuto quest’anno nell’under 20, al suo posto Tayara Madonna, giocatrice veloce e rapida. Nel ruolo di «4» troviamo Mandache, atleta che conosciamo bene, che ha buoni movimenti esterni ed ha tiro da fuori, quindi nel ruolo di pivot c’è l’altra americana, Khadaja Poston. Dalla panchina escono, tra le altre, Barberis, giocatrice che si adatta a giocare anche da interna e che ha una prestanza fisica che le consente di marcare le lunghe ed Ercoli, anche lei nel giro dell’under 20».