Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 846
RAGUSA - 04/10/2015
Sport - Basket, A1: al PalaVesuvio di Napoli le partite della prima giornata di campionato

La Passalacqua parte bene e travolge il Cus Cagliari. Little è una sicurezza, bene le nuove

All’americana tocca il gravoso compito di faar dimenticare Ashley Walker. Cagliari imbambolato Foto Corrierediragusa.it

Cus Cagliari-Passalacqua Ragusa:52-88
(parziali: 10-21, 29-43, 39-62)

Passalacqua Ragusa: Consolini 6, Gorini, Erkic 13, Nadalin 10, Little 24, Ndjock 14, Gonzales 10, Micovic 11, Sorrentino, Valerio


Passalacqua sprint sul parquet del PalaVesuvio (nella foto: una fase del match). Ben 36 punti di differenza con Cagliari e buoni motivi per essere contenti in casa biancoverde. Soprattutto coach Molino che ha avuto conferma del valore di Camille Little, padrona del campo e autrice di 24 punti con due tiri da tre e tante belle giocate. Tra le nuove brillano Ndjock e Erkic che difendono e rilanciano garantendo i canestri necessari. Capitan Nadalin è l´ago della bilancia in campo e con la sua esperienza guida e sprona le sue compagne. Certo servirà un test più probante di quello offerto dalla resistenza di Cagliari per valutare appieno la forza della Passalacqua ma la squadra ha interpretato bene la gara e dato conferma di essere sulla strada della piena forma fisica.

Non c´è stata praticamente partita sin dalle prime battute perchè già nel primo quarto il distacco si è attestato sugli 11 punti per aumentare gradatamente fino a raggiungere i114 punti prima del riposo lungo. Poi è stato un monologo biancoverde perchè le cagliaritane hanno ceduto anche sul piano fisico. Passalacqua dunque più serena e con maggiori certezze. Domenica esordio in casa contro il neo promosso Sesto s. Giovanni, che ha battuto Orvieto.