Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 965
RAGUSA - 30/08/2015
Sport - Calcio, Promozione: si è giocato su un campo con l’erba alta e con 35°

Al Ragusa il derby con il Marina ma non è stata una passeggiata

Quattro gol per gli azzurri che sono partiti a spron battuto ma hanno subito il ritorno dei "marinari" di Gurrierii Foto Corrierediragusa.it

Marina di Ragusa-Ragusa: 2-4

Marcatori: 12´ Valerio, 19´ pt e 32´pt Di Rosa; 35´pt Pecorari, 42´pt La Rosa, 28´st Sella

Marina di Ragusa: Sisino, La Rocca, Cilia, Iapichino, Criscione, Gulino, La Rosa (44´st De Luca),Occhipinti M. (22´st Militello), Farina (18´st Occhipinti D.), Leone, Pecorari

Ragusa: Cavone, Scirbano, Cicero (30´ pt Anania), Bennardo, Pianese, Citronella, Valerio K., Patti (43´ pt Tumino), Livia (18´st Iapichino), Sella, Di Rosa


Il derby va al Ragusa ma non è stata una passeggiata. Su un campo assolato con 35° e con l´erba alta (nella foto), con un centinaio di spettatori sugli spalti, il derby ha vissuto momenti di intensità soprattutto alla fine del primo tempo quando il Marina di Gianni Gurrieri è rinvenuto ed ha piazzato ben due gol. Il primo con un tiro all´incrocio dell´ex Pecorari sul quale Cavone non ha potuto fare nulla ed il secondo con La Rosa in mischia.

Il Ragusa è partito benissimo ed ha macinato gioco nella prima mezzora andando in rete ben tre volte. Gli azzurri hanno avuto il torto di considerare chiusa la gara ed hanno pagato dazio. Leone e Pecorari hanno messo in campo tutta la loro esperienza e voglia di rivincita quali ex ed hanno condotto i rossi alla riscossa. Poi nella ripresa, grazie anche ad una strigliata di Utro negli spogliatoi, hanno ripreso di buona lena e Sella ha fissato il risultato che offre ampia possibilità agli azzurri, che formalmente giocavano fuori casa, di passare il turno.