Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 375
RAGUSA - 01/05/2015
Sport - Basket, A1: per stasera annunciato il tutto esaurito al PalaMinardi per gara 4

La Passalacqua si gioca lo scudetto contro Schio

Biancoverdi in vantaggio 2-1 sulle scledensi, coach Nino Molino tiene i piedi per terra e chiede concentrazione alla squadra Foto Corrierediragusa.it

Può essere un primo maggio da scudetto per la Passalacqua. Stasera alle 20.30 le biancoverdi tornano sul parquet del PalaMinardi per gara 4 della finale play off. Le ragusane sono in vantaggio per 2-1 sulle scledensi e godono del vantaggio della gara casalinga per vincere ancora e chiudere la partita scudetto. Una parola che nessuno in casa Passalacqua vuole pronunziare per scaramanzia anche perchè ancora memori della giornata del primo maggio dello scorso anno quando Schio che sembrava a quel punto spacciato riuscì a ribaltare la situazione per vincere poi in gara 5 il tricolore.

E´ un finale che la Passalacqua vuole scrivere in modo diametralmente opposto anche perchè la Passalacqua 2015 è squadra più solida e robusta sotto tutti i punti di vista e lo ha dimostrato nelle due ultime gara con prestazioni di assoluta maturità. Coach Nino Molino chiederà ancora una volta una difesa serrata, pronta a chiudere tutte le linee di passaggio. E´ questa l´arma che si è rivelata vincente e che coach Molino vuole riproporre chiedendo alle sue atlete di non molare un attimo dal punto di vista della concentrazione. Se questo è uno dei temi tattici della partita c´è anche la parte che giocherà sugli spalti il pubblico.

La tifoseria va al massimo, caricata dalle due ultime prestazioni delle proprie beniamine e stasera è pronta a trascinare la squadra al traguardo scudetto che potrebbe arrivare in Sicilia dopo i fasti del Priolo di Santino Coppa. Sarà comunque un´altra bella giornata di sport al PalaMinardi dove si concentrerà tutta l´attenzione del basket italiano

E´ successo mercoledì:

Passalacqua Ragusa- Famila Wuber Schio: 56-52
Parziali: 17-16, 25-31, 40-38

Passalacqua Ragusa: Ivezic 9, Gorini 6, Cinili 16, Walker 14, Pierson 7; Mauriello, Galbiati, Gonzales 2, Nadalin 2

Famila Wuber Schio: Yacoubou 9, Sottana 12, Anderson 4, Ress, Macchi 12; Gatti 2, Spreafico, Masciadri 6, Sliskovic 2, Zandalasini 5


Un canestro di Walker porta al rassicurante +4 la Passalacqua (nella foto di Giovanni Cassarino la formazione iniziale) negli ultimi 37 secondi e le ragusane si aggiudicano anche gara 3. Ora sono in vantaggio su Schio e venerdì possono giocarsi la partita-scudetto, ma la sfida non è finita. E´ stata una partita entusiasmante e tiratissima in un PalaMinardi quasi del tutto esaurito che ha trascinato, così come voleva coach Molino e il presidente Passalacqua, le proprie beniamine ad un successo non facile.

Ragusa ha costruito la sua vittoria su una difesa solida e sulla ottima giornata di Cinili che per tre quarti di gara ha dominato realizzando due "bombe" nell´ultimo quarto ed un totale di 16 punti. Tutta la squadra ha comunque risposto bloccando le bocche di fuoco avversarie. Primo quarto testa a testa ma Ragusa va avanti di un punto. Nel secondo quarto Ragusa cede qualche metro di campo e Schio prende il volo e va avanti anche di un +8. Alla ripresa del gioco la Passalacqua costruisce il suo successo realizzando un parziale di 15-2 e portandosi sul 40-33. E´ il vantaggio che consente alle padrone di casa di tenere a bada gli attacchi avversari e rispondere con transizioni brucianti.

Ultimo quarto entusiasmante giocato sul filo dei punti. Negli ultimi minuti Schio si riporta sotto con una tripla di Macchi ma Ragusa è brava e risponde con una bella azione costruita in attacco che trova in Walker la finalizzatrice e quindi la vittoria. Venerdì si torna in campo e la Passalacqua ha la possibilità di giocarsela alla pari con le scledensi facendo affidamento anche sul suo pubblico. Non sarà facile, ma si può fare.