Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 802
RAGUSA - 28/04/2015
Sport - Calcio, Promozione: il secondo incontro con i dirigenti azzurri per discutere del futuro

Proto vuole un progetto per il Ragusa e per il territorio

L’imprenditore catanese è sempre più convinto delle possibilità dei maggiori centri iblei di fare gruppo e intraprendere un progetto complessivo che superi le attuali barriere Foto Corrierediragusa.it

Franco Proto (nella foto) entra nel dettaglio del suo progetto sportivo e si apre al coinvolgimento di tutto il territorio. L´imprenditore catanese è sempre più convinto delle possibilità dei maggiori centri iblei di fare gruppo e intraprendere un progetto complessivo che superi le attuali barriere. Le difficoltà ci sono ma Proto vuole provarci cominciando la sua avventura alla guida del Ragusa. Il dirigente ha incontrato insieme al suo braccio destro, Marcello Pitino, la dirigenza del Ragusa, rappresentata dal vicepresidente Ettore Tuccitto e dal direttore sportivo Cesare Sorbo. Nel corso dell´incontro sono stati visionati i documenti richiesti alla società e prodotti dalla dirigenza. I documenti saranno ulteriormente valutati nei prossimi giorni al fine di definire i vari passaggi. Sarà poi richiesto un incontro al sindaco, al quale verrà presentato il programma di politica sportiva che il Gruppo Proto intenderebbe portare avanti sul territorio.

L’adesione dell’amministrazione comunale ragusana sarà un passaggio fondamentale nell’ottica della definizione di un formale impegno da parte del presidente Proto soprattutto per quanto riguarda l´agibilità e la disponibilità delle strutture sportive. Il programma elaborato dal presidente Proto punta, dunque, a valorizzare l’intero territorio ibleo e diventare punto di riferimento per la provincia ragusana e per tutti coloro che attraverso una seria politica sportiva intenderanno far parte di un progetto di ampio respiro che non si esaurirà con il raggiungimento di un risultato sportivo.

Per questo motivo il programma sarà successivamente proposto anche ad altre Amministrazioni e ad altre società calcistico/sportive del territorio: la visione finale culminerebbe nella realizzazione di un comprensorio ibleo.