Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1442
RAGUSA - 05/03/2015
Sport - Rugby, serie B. si gioca domenica alle 11.30 al campo di via della Costituzione

Sfida salvezza tra Padua Ragusa e Svicat Lecce

Per il tecnico biancazzurro German Greco la partita non è comunque decisiva per il futuro del campionato Foto Corrierediragusa.it

Dopo l’ennesima sosta il Padua torna a giocare domenica (ore 11.30 al campo di via della Costituzione) contro i salentini dello Svicat. Nonostante si sia solo al giro di boa e ci siano ancora le cinque giornate del girone di ritorno, per i ragusani, così come per i leccesi, l’incontro è di quelli che possono già dare un segno all’intera stagione.

La classifica, per la parte che interessa la zona salvezza, dice Reggio Calabria e Padua 7 punti, Svicat 5 e Capitolina 4. Considerando che domenica, oltre alla partita di Ragusa, si giocherà anche Capitolina-Reggio, una vittoria, per i biancazzurri, significherebbe quasi ipotecare la permanenza nella serie cadetta.
Almeno è questo quello che pensa coach German Greco: "Vincere ci farebbe molto bene, sia per quanto riguarda la classifica che per la testa dei ragazzi. Non sarà una partita decisiva ma è certamente molto importante. Al contrario, una sconfitta farebbe diventare in salita il resto del campionato. Per questo è importante vincere. Sarà una partita combattuta, soprattutto in mischia. Per vincere dovremo battere i nostri avversari in quel fondamentale e nei punti di incontro. Partiamo alla pari, ma noi abbiamo due punti di vantaggio in classifica e per questo giocheremo con più tranquillità. La pressione sarà tutta nelle teste dei nostri avversari".

In considerazione dell’importanza della gara, la dirigenza paduina ha lanciato un appello a tutti i ragusani affinché affollino la tribuna del campo del rugby di via della Costituzione, diventando così una sorta di sedicesimo uomo in campo per spingere verso la vittoria la squadra biancazzurra.