Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 649
RAGUSA - 01/03/2015
Sport - Basket, serie C:il successo consente ai virtussini di agguantare i milazzesi a quota 10

La Nova Virtus supera il Milazzo nei secondi finali

I ragusani sono riusciti a sprecare un vantaggio di ben 26 punti ed hanno prevalso di stretta misura Foto Corrierediragusa.it

Nova Virtus Ragusa-Amendolia Milazzo: 91-90
parziali 22-17; 43-32; 68-55

Nova Virtus: Girgenti 8, Scalone, Boiardi 15, Sorrentino Andrea 14, Canzonieri 20, Ferlito 4, Cataldi , Cataldi 2, Sorrentino Alessandro, Tumino ne All. Di Gregorio

Amendolia Assicurazioni: Darby 22, Sofia, Barbera 10, Coppolino ne, Rath 10, Scozzaro 10, Italiano, Amato 9, Li Vecchi 30, Maimone ne. All. Fiasconaro

Arbitri: Fabio Fichera di Acicatena e Luca Attard di Priolo


Nova Virtus tutta cuore riesce a vincere grazie al rush nei secondi finali dopo avere sprecato un pacchetto di ben 26 punti di vantaggio a 10´ dalla fine.

Tra i virtussini, mancano il fromboliere Matteo Iabichella, in Spagna per motivi professionali; Cintolo a Roma per sostenere un esame, e l’infortunato Cascone. Ma rientra a sorpresa l’ancora claudicante Simone Licitra (nella foto) che si rivelerà, con il suo lume tattico determinante. Tra i milazzesi c’è l’eterno Ago Li Vecchi che nel basket è sempre un «fattore, ad onta della più che veneranda età.

Si parte sul filo dell’equilibrio quasi assoluto ma a rompere la parità sono due triple di capitan Ale Sorrentino, arrivato come un tiro dalla panca (22-17 al 10’). La Nova Virtus sembra in buona serata, vola sul più 11 (31-20 al 12’), ma becca presto il primo pesante break della serata (0-7), griffato da Derby (33-31 al 19’). Sono Canzonieri (grande diligenza e continuità) ed il giovane Ferlito a rilanciare le azioni iblee, prima del riposo lungo (43-21 al 20’).

Si riparte e sul parquet sembra esserci solo una squadra. Ossia, la Nova Virtus che serra le fila difensive ed assesta la mitraglia in attacco, diventando devastante. Tre bombe di fila (Andrea Sorrentino, Boiardi e Girgenti) fanno saltare il fortino milazzese, Canzonieri ci mette del suo e la Nova Virtus ascende in un flash sul più 26 (62-36 al 28’), sembrando mettere una pietra tombale sul match. Ma nel basket, è notorio, non è mai finita. Un inatteso ma pauroso black-out annebbia, anzi, cancella gli elettrodi intellettivi dei padroni di casa che in meno di 2’ accusano un mortifero parzialone di 0-16 che porta la firma di Ago Li Vecchi e solo un siluro salvifico di Simone Licitra rianima, quasi a fil di sirena, quelli di casa, chiaramente con l’acqua alla gola. Alla sirena del 30’, la Nova Virtus è ancora avanti e vanta persino un buon gruzzolo (68-55), ma l’inerzia della partita è decisamente invertita, anche se il quarto «tempino» si apre con Canzonieri ancora a segno.

Tra gli ospiti, però c’è uno che fa di nome Ago Li Vecchi, non a caso tra gli eroi azzurri agli Europei di qualche anno andato che ne infila 15 in un batter d’occhio. La risalita tirrenica è lenta, ma inesorabile e si concretizza al 37’ sulla bomba di Scozzaro che apparecchia la parità (82-82). Ora è botta e risposta, la Nova Virtus, che perde Ale Sorrentino per falli, e Davide Boiardi un’insperata striscia di 4 punti. Darby ricuce, prima che Ruth, finalmente tonico e desto, sigli addirittura il sorpasso (88-90) a soli 40’’ dalla sirena finale. Per la Nova Virtus sembra il ko ed invece ancora Boiardi tira fuori dal cilindro a 23’’ dal gong il «bombone» del controsorpasso che si rivelerà vincente, visto che Darby non riesce proprio a venire a capo dei raddoppi difensivi dei locali, né a scaricare sui compagni.

Il suo doppio tiraccio è finalmente preda dei locali ed anche se Canzonieri, a tempo di fatto scaduto, sbaglia entrambi i liberi, per Ago Li Vecchi c’è spazio solo per uno sconclusionato ed impossibile tiro della disperazione dalla sua zona pitturata, largamente fuori misura. E solo a quel punto la Nova Virtus può gridare vittoria. Due punti che permettono al quintetto di Di Gregorio di agguantare in classifica a quota 10 proprio i milazzesi.