Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 928
RAGUSA - 28/02/2015
Sport - Presenti tutti i presidenti delle federazioni che operano sul territorio

Presidente Coni alla scuola regionale dello sport

Accolto dal delegato provinciale, Sasà Cintolo, e dal presidente regionale, Vito D’Antoni Foto Corrierediragusa.it

Giovanni Malagò (nella foto: con il delegato provinciale Coni Sasà Cintolo) alla scoperta della scuola regionale dello sport. E´ stata una giornata intera per il presidente nazionale del coni che è stato accolto presso la struttura di contrada Selvaggio dal delegato provinciale Sasà Cintolo, dal vicepresidente nazionale, Giorgio Scarso e dal presidente regionale, Sergio D´Antoni. Presenti tutti i residenti delle varie federazioni che operano sul territorio. Per Malagò è stata l´occasione per fare il punto dello stato di salute dello sport partendo dall´ambito nazionale a quello locale.

Il presidente Malagò è stato chiaro: "Sono venute a mancare le risorse che lo Stato prima assicurava e gli stanziamenti che la politica prima garantiva sono stati praticamente azzerati. Serve dunque una nuova politica che metta lo sport al centro". Il presidente Cintolo ha poi guidato Giovanni Malagò nella visita dei locali della scuola regionale, istituita nel 1985 ma ancora con grandi potenzialità. Dice Malagò: "Per avviare un nuovo circolo virtuoso credo che oggi a tutti i livelli si debbano prioritariamente gestire in maniera oculata gli impianti esistenti piuttosto che pensare a strutture nuove. Questa visita si inserisce nella vasta operazione di mappatura nazionale del territorio che stiamo facendo".

Il vicepresidente Giorgio Scarso a questo proposito ha annunciato che presso la scuola partirà un corso di scherma per i maestri di ben 16 paesi che si affacciano nel Mediterraneo. "Si realizza così quell´integrazione tramite lo sport che tutti vogliamo e rappresenta anche una opportunità di crescita economica".