Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1202
RAGUSA - 24/02/2015
Sport - Basket, A1: il ritorno a casa di squadra e tifosi dopo la finale di Coppa Italia

Passalacqua battuta ma non doma. Sfida con Schio continua

Il campionato propone il big-match tra biancoverdi e arancioni sabato sul campo delle scledensi Foto Corrierediragusa.it

Passalacqua subito al lavoro per preparare la sfida di sabato al PalaCampagnola contro le fresche vincitrici della Coppa Italia. Sarà ancora una volta uno scontro tra le ragusane e Schio in un match apertissimo. Nino Molino e le sue ragazze non si sentono battute in partenza e vogliono subito riscattarsi di una finale di Coppa Italia in chiaroscuro. Partenza così così a Perugia e ultimi due quarti all´altezza delle possibilità delle aquile biancoverdi. Non è bastato per recuperare ma in casa Passalacqua c´è la soddisfazione di essere arrivati in finale ed avere migliorato il risultato dello scorso anno quando la Passalacqua si fermò alla semifinale. Ora si ritorna al campionato per la fase conclusiva della stagione. C´è un primo posto da difendere e guadagnare così la migliore posizione per la disputa dei play off scudetto.

Nino Molino lo sa ma cerca di tenere la tensione bassa. Dice il tecnico: "Non mi interessa la singola partita né l´avversario che andiamo ad incontrare. Mi interessa piuttosto l´andamento della mia squadra, conosco il nostro potenziale e so che molte volte abbiamo messo in campo un rendimento di gran lunga superiore anche allo stesso potenziale di cui disponiamo, giocando sempre ai vertici della classifica in questi due anni. Il bilancio lo faremo alla fine". L´ approccio alla gara di Schio è dunque morbido per evitare tensioni ed aspettative soprattutto tra i tifosi che sono rientrati in città con qualche delusione e la convinzione che a Perugia qualcosa di più si poteva fare. Coppa Italia comunque archiviata e si pensa ormai all´appuntamento di fine campionato.

E´ successo domenica:
Passalacqua Ragusa – Famila Wuber Schio 64 – 74 (12-23, 24-41, 47-53)

PASSALACQUA RAGUSA: Ivezic J. 15 (4/6, 2/3), Gorini M. 8 (2/6, 1/1), Cinili S. 5 (1/2, 0/1), Mauriello P. (0/1), Galbiati V. 3 (0/1), Canova S. NE , Walker A. 17 (8/12), Gonzalez D. 5 (1/5, 1/3), Nadalin J. 4 (2/6, 0/1), Pierson P. 7 (2/5, 0/2), All. Molino Nino

FAMILA WUBER SCHIO: Yacoubou I. 8 (3/7), Gatti G. 3 (1/1, 0/1), Sottana G. 19 (5/8, 2/2), Spreafico L. , Anderson J. 14 (4/8, 2/4), Masciadri R. 2 (1/3, 0/1), Sliskovic I. 6 (3/5), Zandalasini C. 1 (0/1), Ress K. (0/1), Macchi L. 21 (3/7, 3/8), All. Martinez Mendez Miguel

NOTE: uscite per 5 falli Cinili Sabrina Passalacqua Ragusa tiri da due 20/43 (46,5%), tiri da tre 4/12 (33,3%), tiri liberi 12/18 (66,7%), rimbalzi dif. 22, off 6, palle perse 10, rec. 16. Famila Wuber Schio tiri da due 20/41 (48,8%), tiri da tre 7/16 (43,8%), tiri liberi 13/16 (81,3%), rimbalzi dif. 28, off 9, palle perse 15, rec. 12.


La Coppa Italia 2015 va a Schio. Le scledensi si aggiudicano la nona Coppa Italia della loro storia al PalaEvangelisti di Perugia. La Passalacqua esce tuttavia a testa alta dalla gara con le scudettate scledensi. Le ragusane hanno dato il loro meglio ma hanno dovuto cedere alla forza fisica di Schio che con pressing asfissiante e velocità nelle transizioni è riuscito ad arginare le armi migliori delle biancoverdi.

La Passalacqua è stata sempre alla rincorsa delle avversarie, che sono andate avanti di 11 punti già nel primo quarto e addirittura di ben 17 punti prima del riposo. Pierson subisce il terzo fallo dopo appena 5´ e Molino è costretto a chiamarla fuori, l´episodio condizionerà la gara delle ragusane ma, come dice lo stesso coach Molino,non può essere una scusa. Partita già segnata e Schio al comando della gara anche nella ripresa anche se le ragazze di Molino hanno recuperato riducendo le distanze a 10 punti finali.Troppo magra consolazione ma grande soddisfazione comunque per essersi battute al meglio contro una corazzata autentica. Ivezic e Walker sono state tra le migliori tra le ragusane, deludente Pierson che ha realizzato solo 7 punti ma per l´americana ha pesato il fattore falli che ne ha condizionato la gara.