Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 806
RAGUSA - 24/02/2015
Sport - Rugby, serie B: si fermano anche Svicat Lecce e Reggio Calabria

Stop per il Padua sul campo della capolista Colleferro

Buon inizio ma poi i paduini sono crollati lasciando spazio alla mischia avversaria. Domenica si riposa Foto Corrierediragusa.it

Colleferro Rugby-Padua Ragusa: 34-17

Ragusa: Iacono G. Tumino G. (1´ st Muccio), Cappa, Iacono S., Iacono P, Modica O., Valenti, Iacono C., Digrandi (1´ st Modica A.), Stracquadanio (1´ st Lo Presti), Carbonaro (1´ st Garozzo), Vona (1´ st Tumino G.), Bellio (1´ st Russo), Di Mauro, Campanella (33´ st Bellio). A disp.: Incarbone. All: Greco.
Arbitro: Frontini di Lecce

Marcatori: st 7´ mt Giannelli (C), tr Merli, 10´ cp Iacono (R), 21´ cp Merli (C), 28´ mt Resta (C), tr Merli, 35´ mt Resta (C); st 3´ mt Giannelli (C), tr Merli, 26´ mt Valenti (R), tr Iacono G., 28´ mt Muccio (R), tr Iacono G., 39´ mt Cerquozzi (C)


A Colleferro niente da fare per il Padua. Il risultato netto dice tutto ma fino al 20´ del primo tempo il Padua era in partita e dava del filo da torcere ai laziali poi il crollo con il netto divario finale che non ammette repliche.
Nell’intervallo un Greco furioso cambia tutto quello che può cambiare: escono Paolo Bellio, Gianluca Tumino, Daniele Stracquadanio, Giorgio Carbonaro, Paride Vona e Albert Digrandi, entrano Giovanni Tumino, Antonio Modica, Marco Muccio, Giuseppe Garozzo, Eugenio Lo Presti, Stefano Russo. La scossa funziona, in campo adesso c’è un Padua diverso, più voglioso, più grintoso ma non basta.
A dieci minuti dal fischio finale per il Padua un’altra meta significherebbe quanto meno il punto di bonus difensivo.

Con questa idea in testa i biancazzurri si riversano in attacco. Ma i padroni di casa non ci stanno proprio a concedere punti agli avversari e si oppongono con tutte le loro forze. Ma a due minuti dalla fine arriva l’azione che spegne ogni velleità biancazzurra.

Perdere non fa mai piacere ma a rendere meno amara la giornata ci pensano le notizie delle sconfitte casalinghe di Reggio Calabria. Grazie a questi risultati i ragusani conservano due punti di vantaggio sulla zona retrocessione. E tra due domeniche, la prossima il campionato riposa, a Ragusa arriva la Svicat Lecce per una partita che diventa un crocevia fondamentale sulla via che porta alla salvezza.