Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1327
RAGUSA - 04/02/2015
Sport - Sport equestri: organizzato dalla Società Ippica Ragusana ha visto 14 binomi partecipanti

Lo stage di dressage siciliano con Vincenzo Truppa

E’cavaliere di dressage a livello internazionale ed è attualmente giudice nelle più importanti manifestazioni europee Foto Corrierediragusa.it

Vincenzo Truppa ha tenuto il secondo stage siciliano di dressage presso la struttura comunale di contrada Selvaggio. L´iniziava è stata promossa dalla Società Ippica Ragusana ed ha visto 14 binomi partecipanti provenienti da tutta la Sicilia e dalla Calabria (nella foto: il gruppo). Vincenzo Truppa, cavaliere di dressage a livello internazionale ed è attualmente giudice nelle più importanti manifestazioni europee, ha dispensato tutti i suoi consigli e svelato i segreti per far crescere i giovani cavalieri siciliani nella due giorni ragusana.

Alcuni dei binomi presenti avevano già partecipato allo stage precedentemente tenuto in Sicilia, avendo modo così di verificare ed approfondire le tecniche acquisite; per altri invece è stata la loro prima esperienza. Diversi i livelli dei partecipanti: dalla categoria Elementare ai livelli più alti. Presenti allo stage in qualità di uditori anche istruttori, giudici della disciplina e appassionati.

«In qualità di responsabile del dressage» – afferma la signora Erika Brucato Lo Re, consigliere federale e referente per il dressage del Comitato Regionale FISE Sicilia – «mi sono posta l’obiettivo di trasmettere la mia passione per questa splendida disciplina a tutti coloro che vogliono conoscerla e per farlo, l’unico modo è portare alla nostra Regione la competenza tecnica dei migliori trainers del mondo. Grazie di cuore a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di questo evento e cioè alla Società Ippica Ragusana".