Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 965
RAGUSA - 11/01/2015
Sport - Basket, serie C: troppi uomini non al meglio della condizione e per la Vis Reggio Calabria è facile

Nova Virtus sottotono, la capolista passa

Gli ospiti hanno gestito al meglio il vantaggio dall’alto della loro esperienza Foto Corrierediragusa.it

Nova Virtus Ragusa-Vis Reggio Calabria: 63-73
parziali: 23-20; 30-36; 45-58

Nova Virtus: Girgenti 4, Iabichella 10, Sorrentino Alessandro 14, Tumino ne, Boiardi, Canzonieri 11, Ferlito 6, Cataldi 5. Cascone 3. Sorrentino Andrea 10. All. Di Gregorio.

Vis Reggio Calabria: Grasso 23, Tramontana ne, Zampogna 9, Carnazza, Di Dio, Pellegrino 5, Warwick 23, Vaglianisi 13, Barrrile ne. All. D’Arrigo.

Arbitri: Castorina e Giarre e Luca Attard di Priolo.


Troppo forte la capolista Reggio Calabria peri giovani virtussini. La Nova Virtus non è stata certo al meglio della condizione fisica e di forma e priva, per il forfait degli infortunati Licitra e Cintolo, di un play di ruolo.
Parte bene la Vis con lo 0-3 a firma Warwick, ma la Nova Virtus sembra poter addirittura spiccare il volo sulla tripla «fiondata» dall’arco grande dal duo Sorrentino e da Giorgio Canzonieri. Massimo vantaggio ragusano sul 18-8 al 7’, ma gli uomini d’oltre Stretto fanno presto a ricucire ancora con Warwick che segna pure sul gong (23-20 al 10’). Il secondo «tempino» si apre con la Nova Virtus che ha il freno a mano tirato: solo 3 punti, in quasi 8’ per gli iblei, e Vis Reggio Calabria, ben orchestrata dall’ex Zampogna, che prima sovverte l’inerzia e poi scava il solco, grazie ad un break di 3-16, per il top sul 26-36 (19’), prima della reazione di quelli di casa che sembrano poter rientrare in partita al riposo lungo (30-36).

Alla ripartenza, invece, i virtussini tornano a latitare mentre l’altro ex, Seby Grasso infila un perentorio 0-5 e comincia a fare la voce grossa sia nel pitturato che dal perimetro. Andrea Sorrentino prova a scuotere i suoi, griffando un parziale di 5-0 (39-45 al 26’), ma poi incappa nel tecnico del fiscalissimo arbitro Castorina e la Vis torna a gestire con grande nonchalance, traguardando il top ancora una volta sulla sirena con un fortunato rimbalzo e gancio dell’intraprendente Vaglianisi (45-58 al 30’).

Il team di coach D’Arrigo gioca bene, fa valere l’esperienza del trio Zampogna-Grasso-Warwick. Troppi gli uomini, tra i virtussini, sottotono ed i sussulti di orgoglio di capitan Sorrentino e dello stesso Iabichella trovano puntuale contraltare nella grande precisione dalla linea della carità dei soliti Grasso e Warwick, per i quali apparecchia spesso nel pitturato il lucido Zampogna. La Vis, perciò, vince senza neanche dover penare più di tanto.
(foto: Andrea Sorrentino schiaccia)