Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1369
RAGUSA - 07/12/2014
Sport - Basket, A1: Schio ha perso contro Umbertide, primo posto sempre più solitario per le ragusane

La Passalacqua supera anche l´ostacolo Venezia

Match sempre di rincorsa ma il sorprasso arriva arriva nell’ultimo tempino Foto Corrierediragusa.it

Umana Venezia-Passalacqua Ragusa: 51-56
parziali: 19-8, 30-22, 44-36

Passalacqua Ragusa: Ivezic 10, Gorini 7, Cinili 7, Walker 9, Pierson 14; Mauriello 2, Galbiati 3, Gonzales 2, Nadalin 2, Valerio.


La Passalacqua trova la 11ma vittoria sul filo di lana. Dopo un match giocato sempre ad inseguire le ragusane si fanno sotto nell´ultimo quarto ed hanno la meglio per appena cinque punti sulle lagunari. Il successo della Passalacqua vale doppio visto che Schio inciampa per la seconda volta in questo campionato facendosi battere da Umbertide in modo netto(83-66 per le umbre). Le biancoverdi hanno sofferto molto la fisicità e la velocità di Venezia che con Mc Allum e Ruzickova hanno condotto il match andando subito in vantaggio nel primo quarto con ben 11 punti di vantaggio.

La Passalacqua soffre soprattutto in difesa e trova difficoltà nell´entrare nel cuore della difesa veneta. Secondo e terzo quarto vedono le biancoverdi in difficoltà visto che le padrone di casa mantengono a debita distanza le ragusane. Il match cambia nell´ultimo tempino quando la Passalacqua si riorganizza e con Pierson (nella foto di Giovanni Cassarino) trova le giuste contromosse anche grazie al calo fisico delle padrone di casa. La musica cambia infatti nell´ultimo e decisivo quarto, quando la Passalacqua affonda la zampata vincente con Plenette Pierson che a pochi minuti dalla fine si porta avanti e la Passalacqua riesce poi a mantenere il vantaggio fino al suono della sirena. Quella che avrebbe potuto essere una serata difficile sotto tutti i punti di vista si rivela invece doppiamente felice.