Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 804
RAGUSA - 21/11/2014
Sport - Basket, A1: la vittoria contro Schio ha galvanizzato tutto l’ambiente biancoverde

Per la capolista Passalacqua trasferta a S. Martino di Lupari

Jenifer Nadalin: "Ci aspettano due trasferte e il Cagliari in casa. Non dobbiamo deconcentrarci" Foto Corrierediragusa.it

Passalacqua nella tana del S. Martino. Per la capolista solitaria della A1 le sfide non finiscono mai. Le venete sono infatti al terzo posto in classifica a 12 punti, hanno perso due match, ma domenica scorsa sono passate di un soffio sul difficile campo di Lucca. Per la Passalacqua la trasferta presenta dunque difficoltà anche se il quintetto visto contro Schio è capace di tutto. Coach Nino Molino (nella foto di Giovanni Cassarino)vuole tenere alta la pressione sulle sue giocatrici ed il rischio maggiore è ora quella di pensare che la strada sia in discesa.

A S. Martino la capolista dovrà dimostrare di essere degna del primato e consapevole che le avversarie ci metteranno quel pizzico in più di grinta per fare l´impresa. Dice Jenifer Nadalin che domenica da grande ex è uscita tra gli applausi del pubblico biancoverde: "Adesso sarà molto importante rimanere concentrate, visto che andiamo a San Martino domenica, poi affronteremo Cagliari in casa e dopo, nuovamente in trasferta, Venezia. Sono tutte squadre che giocano bene insieme e che possono darci molto fastidio".

Per Maurizio Ferrara, vice di Molino: "San Martino si è dimostrata fino a questo momento un’ottima squadra; è un quintetto atipico perché gioca con un centro e quattro giocatrici perimetrali, e che alterna difese individuali e zone ed è capace di esprimersi bene in campo aperto. In cabina di regia troviamo Gianolla che lo scorso anno era a Lucca e che quest’anno sta facendo molto bene. Troviamo poi le due straniere Bailey e Pye che hanno numeri importanti, giocatrici che hanno dinamicità e che si devono tenere con grande attenzione dal punto di vista difensivo. Sono arrivate inoltre Filippi e Favento che lo scorso anno erano a La Spezia, e che danno apporto di qualità soprattutto dal punto di vista difensivo".