Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1409
RAGUSA - 18/11/2014
Sport - Calcio, Eccellenza: il "colpo" contro il S. Pio X è stato salutare per tutto l’ambiente

Il Vittoria si riprende il primato e spera nel ricorso contro il Siracusa

La società ha confermato, ma non vuole scendere nei particolari. Il ricorso riguarda la gara interna contro i "leoncelli" pareggiata per 2-2 Foto Corrierediragusa.it

La settimana biancorossa non poteva aprirsi in un modo migliore del seguente: successo diretto a Catania (0-2), riposo forzato del Milazzo e primo posto solitario in classifica. La squadra di Giovanni Campanella (nella foto) torna di prepotenza sul gradino più alto del campionato dopo due turni in cui ha dimostrato ancora una volta di esserci, eccome. Reagire ad una doppia sconfitta nell´arco di due giorni (perdere due volte contro avversari sulla carta più deboli avrebbe fioccato le gambe a chiunque) è senza dubbio sinonimo di personalità, e proprio adesso che le cose iniziano a mettersi bene per i biancorossi arriva anche il calendario a dare una mano. Delle altre grandi in competizione è rimasto soltanto lo Scordia da affrontare domenica prossima in casa.

La classifica potrebbe ulteriormente miglioare perchèla società biancorossa spera nella Lega, alla quale giovedì scorso ha presentato un ricorso avverso la gara pareggiata contro il Siracusa domenica scorsa. La società conferma: «E’ vero, abbiamo presentato ricorso per presunte irregolarità circa la posizione di un giocatore del Siracusa. Altro per ora non si può dire».

Una notizia, questa, che mette altra adrenalina ai piani alti della classifica di questo equilibrato campionato di Eccellenza. Il Siracusa fece fuori il Vittoria dalla Coppa Italia per una irregolarità nella formazione vittoriese, il Vittoria spera di prendersi interamente a tavolino i 3 punti che avrebbe meritato sul campo sette giorni fa. Si aspettano le decisioni degli organi federali.

E´ successo domenica:
S. Pio X- Vittoria: 0-2
Marcatore: 6´ e 34´ pt Rametta

Catania S. Pio: Romano, Chiavaro, Sapienza, Pistorino, Santonocito, Caruso (80´ Tosto), Vadalà (Garufi), D´Agostino, Conte (60 Criscione), Costa, Ranno. A disposizione Bertani, Doccula, Oliveri e Monteforte. All. Carlo Platania

Vittoria: Di Carlo, Gallipoli, Russo, Di Mauro, Nobile (66´ Di Rosa), Citronella; Fichera, Bevilacqua, Rametta (93´ Patti), Cosimano, Maimone (82´ Iapichino). A disposizione Canto, Guglielmino, Ferraro e Carnazza. All. Giovanni Campanella

Arbitro: Ongarato di Castelvolturno
Note Al 43´ st espulso Garufi per doppia ammonizione.


Serviva una vittoria per riprendersi morale e soprattutto testa della classifica. il 2-0 del Vittoria a Catania contro il San Pio X ristabilisce prepotentemente quelle che in campo rimangono le ambizioni del Vittoria. E cioè la promozione in serie D. Esaltato dal rientrante Rametta (foto), autore della doppietta decisiva siglata nel primo tempo grazie agli assist calibrati di Fichera e Cocimano, l´undici ipparino non ha avuto grosse difficoltà nell´archiviare dopo appena 45´ di gioco la pratica etnea. Nella ripresa ci sarebbe anche l’occasione per fare tris, ma sarà lo stesso laterale d´attacco Fichera a sciupare il terzo calcio di rigore della stagione decretato in favore dei biancorossi. Successo a parte, è la prestazione di alto livello della squadra che esalta il presidente Barravecchia al rientro da Catania. «Sono contento perché il Vittoria ha ripreso a giocare come sa. Addirittura meglio di come ha giocato contro il Siracusa. Tutti hanno risposto all’appello, ma devo evidenziare in modo particolare la prova di Di Mauro, uno dei migliori in campo». Con questi 3 punti la squadra allenata da Giovanni Campanella si mantiene in alta classifica e attende fiducioso i risultati della giornata odierna, sperando che qualcuno del vertice compia qualche passo falso.