Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1125
RAGUSA - 18/11/2014
Sport - Basket, A1: squadra imbattuta in testa alla classifica dopo la vittoria su Schio

Coach Nino Molino non si illude: "Passalacqua non montarti la testa"

La grande festa del pubblico sugli spalti del PalaMinardi. Una serata in cui ha trionfato lo sport Foto Corrierediragusa.it

Ora viene il difficile. La festa è continuata tra i tifosi ben oltre la conclusione della gara contro Schio. Oltre a giocatrici, tecnico e società, è stata la vittoria del pubblico, che ha seguito compatto dalle tribune del PalaMinardi (nella foto) e ha trascinato la Passalacqua alla vittoria credendoci anche nel momento più duro del secondo quarto. Ora la Passalacqua è uscita allo scoperto anche se nulla è ancora detto. Il campionato è lungo, bisognerà rendere visita a Schio e soprattutto ci sono i play off da giocare, ma, rispetto allo scorso anno, il gruppo Molino sembra più convinto dei propri mezzi, più compatto e, cosa non secondaria, più fisico.

Nino Molino analizza a freddo la gara: "È stata una vittoria molto sofferta contro una grande squadra che in un momento di difficoltà, arrivando da una sconfitta in Eurolega e senza Ogwumike, ha trovato ottime conclusioni da tre con il gruppo delle italiane, su tutte Sottana, Macchi e Masciadri. Questo ovviamente ci ha messo in grande difficoltà. C’è da dire che noi non abbiamo avuto nei primi due quarti la giusta intensità difensiva, e se Schio la fai giocare, è chiaro che la qualità delle sue giocatrici viene fuori. Negli ultimi due quarti abbiamo aumentato l’intensità difensiva, anche grazie ad un quintetto più difensivo con Valerio in campo, e ne è venuta fuori la rimonta ed il break che non è stato mai decisivo perché loro hanno trovato dei canestri da tre punti anche in condizioni difficili. Alla fine è arrivata la vittoria che è chiaramente da dedicare ai nostri tifosi che sono stati straordinari a spingerci nella rimonta. Adesso è importante non illudersi che Schio sarà tranquillamente dietro o che noi possiamo battere qualunque avversario. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra perché già domenica prossima a San Martino ci aspetta una partita molto difficile. Ma è chiaro che devo fare i complimenti a questa squadra: ho sentito parlare di corazzata e di grande budget, ma per noi è solo fatica e sudore, nessuno ci ha regalato nulla e al tempo stesso, se qualcuno ci definisce l’anti-Schio è certamente per i nostri meriti e non per la struttura economica e tecnica che non può essere paragonata a loro».

E´ successo domenica:
Passalacqua Ragusa-Famila Schio: 73-71
Parziali: 19-20, 36-43, 53-54

Passalacqua Ragusa: Ivezic 2, Gorini 6,Cinili 2, Walker 18, Pierson 22; Gonzales 9, Nadalin 6,Valerio 8, Galbiati, Mauriello

Famila Schio: Honti 5, Anderson 13, Masciadri 13, Siskovic 4, Ress 2; Macchi 13, Sottana 12, Gatti 5, Zandalasin 4, Spreafico.

Va alle aquile biancoverdi il big match. Appena due punti perla Passalacqua che sospinta da un pubblico entusiasta come non mai ha trascinato il quintetto di Nino Molino. E´ stata, al di là della vittoria, la festa del basket perchè si sono affrontate le due migliori squadre del campionato. Schio ha accusato alla fine la rabbia e la velocità della Passalacqua ma le è mancata l´americana Ogwumike per centimetri e peso in campo. Le americane le ha avute invece la Passalaqua perchè hanno trascinato la squadra e con 22 e 18 punti rispettivamente Plenette Pierson e Ashley Walker sono risultate le migliori realizzatrici. Dal punto di vista tattico coach Molino ha rinunziato a Ivezic puntando sul doppio play con Gorini e Gonzales; l´italo argentina è riuscita a scardinare la difesa avversaria con la sua velocità in alcune fasi delicate del match.

La vittoria è maturata proprio nell´ultimo quarto visto che, seppur la Passalacqua è stata costretta ad inseguire. Soprattutto nel secondo quarto quando l´asse Walker-Pierson ha funzionato dimeno e le biancoverdi hanno concesso a Macchi e Masciadri di tirare senza troppa pressione. Sotto di 7 punti al secondo quarto le ragusane hanno avuto il merito di crederci, hanno forzato i tiri da tre ed alla fine è stato trionfo. Gonzalez e Valerio portano avanti le biancoverdi ma l´ex Gatti e Masciadri rispondono prontamente, per un finale rovente. Si va avanti punto a punto. È Walker che realizza il match point a 12" dalla sirena. Poi scoppia la festa con un pubblico impazzito, forse ancora incredulo per come la partita si è incanalata. E´ tutto vero però! La Passalqcqua è prima eguarda tutti gli altri dall´alto. Ragusa si candida allo scudetto, certamente può dire la sua anche se il campionato è lungo e Schio resta sempre una corazzata.