Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1041
RAGUSA - 02/11/2014
Sport - Rugby, serie B: i paduini avevano cominciato bene il match ma si sono persi per strada

Contro Lecce quinta sconfitta per il Padua

Il XV ragusano si è battuto ma ha dovuto scontare anche delle discutibili decisioni arbitrali Foto Corrierediragusa.it

Padua Ragusa- Svicat Lecce: 13-34

Quinta sconfitta su cinque per il Padua Rugby Ragusa. Parte subito bene il Lecce e si porta sul 3-10 nei primi 10´.I biancazzurri non si perdono d’animo e continuano a fare il loro gioco, a volte arioso, altre volte più incentrato sul pacchetto avanzato. Ma sono ancora gli ospiti ad allungare. Un placcaggio alto consente al piede di Peens di trovare i pali nonostante la distanza (quasi 50 metri). 3 a 13. Al 26´ Peppe Modica batte veloce una punizione sui 5 metri avversari, scarica l’ovale a Michele Campanella che, in un lampo, si tuffa in mezzo alla difesa tuttaverde e riesce a schiacciare in meta. Peppe Iacono non sbaglia la trasformazione. 10 a 13.

Allo Svicat iniziano a tremare le gambe. E la partita si fa nervosa. Il Padua si fionda in attacco e chiude gli avversari nei propri 22. Al 32° il placcatore non lascia il placcato e Peppe Iacono impatta. 13 a 13 e partita che sembra saldamente in mano ai biancazzurri. Al 39´ salentini in vantaggio con Maci che parte in contropiede su azione viziata da fuorigioco. Peens, manco a dirlo, trasforma. 13 a 20. Nella ripresa il Padua c’è ma al 43´ un errore al piede di Giuseppe Modica consente a Giuseppe Cuscito di andare a marcare la terza meta per la squadra ospite. Con i due punti di Peens fanno 13 a 27.

I due coach iblei, Peppe Gurrieri e Guido Farinelli, decidono allora di mettere forze fresche in campo. Escono Michele Campanella, Paride Vona e Giuseppe Modica, entrano Paolo Bellio, Giuseppe Garozzo ed Enoc Valenti, mentre poco dopo Giuseppe Di Mauro lascia il posto a Eugenio Lo Presti. Sono i salentini a portarsi tuttavia ancora in avanti e realizzare la quarta marcatura, con tutto il pack che al 65´ entra in area di meta iblea, e meta trasformata ancora una volta da Peens, che porta il risultato finale sul 13 a 34 e dà i cinque punti allo Svicat.