Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:19 - Lettori online 1527
RAGUSA - 22/10/2014
Sport - Calcio, Promozione: si gioca oggi alle 15.30, il "Kennedy" aperto al pubblico

Ragusa dove vai? A S. Croce un derby di Coppa delicato

Si parte dal 3-2 dell’andata. Nel Santa Croce mancheranno Di Martino squalificato e Basile infortunato ma per il resto la squadra è al completo e i tecnici non faranno turnover Foto Corrierediragusa.it

Per il Ragusa è quasi un bivio. La seconda sconfitta casalinga ha lasciato il segno in casa azzurra. Come con il Macchitella il Ragusa è riuscito a perdere proprio all´ultimo minuto senza avere tra l´altro la possibilità di recuperare. La fredda legge dei numeri parla chiaro e colloca il Ragusa a metà classifica molto lontano dalla vetta. Difficile inseguire ancora sogni di gloria perchè dopo sette giornate di campionato appena bisogna probabilmente ripensare il ruolo degli azzurri in campionato. La squadra ha sofferto l´incapacità di sfruttare le occasioni da gol create ma anche dietro la tenuta difensiva non è stata adeguata. L´occasione del riscatto è data ora dal ritorno di Coppa Sicilia che si gioca a S. Croce.

Il Ragusa parte col vantaggio di un gol, 3-2 all´andata, ma si troverà di fronte una squadra motivata, in forma, con un Bonarrigo in gran spolvero. Farsi eliminare dalla Coppa significherebbe aprire veramente la crisi in casa azzurra ed ecco perchè il derby di Coppa diventa fondamentale a questo punto della stagione. Il tecnico gode della fiducia della società ed i giocatori fanno quadrato ma i risultati sono quelli che sono e bisogna subito sterzare. Cominciando dal mettere al sicuro il passaggio del turno in Coppa e poi facendo risultato domenica sul campo del Città di Catania.

QUI S.CROCE
di Federico Dipasquale


Ci sono tutte le premesse affinché Santa Croce-Ragusa di Coppa Italia, gara che si disputerà mercoledì alle ore 15,30 allo stadio «Kennedy» della cittadina camarinense, diventi una festa del calcio e dello sport in generale. L’atmosfera del derby, il blasone della squadra azzurra, l’andamento positivo del Santa Croce in campionato, il risultato ancora aperto, l’iniziativa della dirigenza locale per la «giornata biancoazzurra», saranno gli ingredienti che renderanno Santa Croce-Ragusa un appuntamento importante e sentito. Grazie all’agibilità dello stadio, giunta proprio la scorsa settimana, verrà aperto anche il settore ospiti che accoglierà la tifoseria ragusana che si prevede numerosa sugli spalti a incoraggiare la propria squadra. Si prevede anche, a dispetto dell’appuntamento settimanale, un’ottima affluenza di pubblico locale e anche del resto della provincia, richiamati dall’interesse che desta la gara.

All’andata all’ »Aldo Campo», quindici giorni fa, la gara è terminata 3-2 per il Ragusa con la rete della vittoria per l’undici allenato da Salvatore Utro (nella foto) giunta proprio negli ultimi minuti dell’incontro, quando già il Santa Croce pregustava il risultato favorevole. Nulla è però compromesso per la formazione allenata da Buoncompagni e La Vaccara per il passaggio del turno, in quanto basta un gol ai locali per andare avanti in Coppa Italia, torneo al quale il Santa Croce tiene molto non fosse altro per essere giunta in finale lo scorso anno e aver sfiorato per un soffio oltre alla Coppa anche l’accesso in Eccellenza. L’undici locale è carico e su di morale dopo le ultime buone prestazioni in campionato che le hanno consentito fino adesso di entrare in zona play-off. Ma questo non basta perché il Santa Croce avrà di fronte una formazione che vorrà dare una scossa alla sua stagione centrando la qualificazione. Nel Santa Croce mancheranno Di Martino squalificato e Basile infortunato ma per il resto la squadra è al completo e i tecnici non faranno turnover. Lo stesso La Vaccara, che domenica scorsa si è un po’ risparmiato, probabilmente giocherà fin dall’inizio.