Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 443
RAGUSA - 12/10/2014
Sport - Rugby, serie B. dopo Benevento arriva la seconda sconfitta consecutiva

Padua giù, il derby siciliano all´Amatori Catania

I primi minuti dei ragusani facevano sperare per il meglio. Punteggio pesante, 3-39 Foto Corrierediragusa.it

Padua Rugy-Amatori Catania: 3-39

Amatori troppo forte e per il Padua è arrivata la seconda sconfita consecutiva. Era stata preventivata ma forse dal XV di Notes forse ci si sarebbe atteso di più anche perchè nei primi minuti di gioco i ragusani avevano fatto sperare i circa 300 spettatori del «Della Costituzione» in qualcosa di diverso. Peppe due calci di punizioni non eccessivamente difficili ed al 10´ l’estremo catanese, Fabio Borina, centrava invece i pali; due minuti dopo Peppe Iacono sbagliava ancora una facile punizione; al 15´ l’ala etnea Adriano Monterotondo concludeva in meta una bella azione dei trequarti biancorossi; al 19´ l’apertura iblea chiudeva il suo poker di errori con l’ennesimo sbaglio dalla piazzola.
Si arrivava così al 30´ con l’Amatori avanti per 0 a 10. Antonino Palmieri, approfittando di una punizione battuta veloce dalla sua squadra, bucava una difesa iblea distratta e andava a schiacciare in meta. Borina non sbagliava, portando la sua squadra sul 0 a 17.

Borina ancora al 34´ portava il punteggio sul 0 a 20.
Solo a tempo scaduto, grazie al piede del suo capitano, il Padua riesce finalmente a cancellare lo zero dal tabellone. E sul 3 a 20 si va negli spogliatoi. Nella ripresa il copione non cambia: il Padua sembra sempre più spento, l’Amatori sale in cattedra e inizia a giocare in scioltezza.
Al 42´ Graziano Camino segna la terza meta per gli etnei, Borina trasforma. 3 a 27. A questo punto, con la vittoria ormai in pugno nonostante al fischio finale manchino ben 38 minuti, per i catanesi l’obiettivo diventa realizzare la quarta meta e, quindi, il punto di bonus. L’obiettivo viene centrato al 56´, con la meta di Vasta. Borina questa volta non trasforma. 3 a 32. Al 60´ arriva anche la meta dell’ex. Andrea Ferrara, dopo il classico coast to coast, si tuffa al centro dei pali. Borina porta sul 3 a 39 lo score.