Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 718
RAGUSA - 16/09/2014
Sport - Calcio, Promozione: lo stop con l’Atletico Gela non deprime l’ambiente azzurro

Utro amaro: "Al Ragusa serve più grinta e carattere"

Bisogna anche attendere l’inserimento dei nuovi arrivati Nigro, Valerio e Puglisi. Domenica in casa contro il Pachino Foto Corrierediragusa.it

C´è amarezza in casa Ragusa. La sconfitta di Gela, sponda Atletico, non va giù a mister Utro (nella foto), che recrimina sugli infortuni a Bennardo e Sansan che hanno imposto un cambiamento dell´assetto in campo. La gara del "Presti" ha tuttavia dato al clan azzurro la misura di quello che gli azzurri troveranno sui vari campi in cui saranno impegnati. Tanta grinta, foga e quel pizzico di cattiveria agonistica che gli avversari ci metteranno per battere una squadra blasonata come il Ragusa. Da questo punto di vista il Ragusa dovrà giocare meno in punta di piedi e metterci più anima e carattere lo può fare perchè gente come Nigro, Puglisi, Milazzo, Cavone, Battiato e l´ultimo arrivato Ronny Valerio conosce bene il mestiere e deve solo ritrovare fiato e corsa.

L´analisi di Salvatore Utro è onesta: "La sconfitta ci deve aiutare a crescere e ci deve far capire che giochiamo in un campionato durissimo dove le squadre impegnate contro di noi giocheranno al 101 per cento dando l’anima. Noi dobbiamo semplicemente abituarci ad essere più cattivi, sportivamente parlando. Ai nuovi dobbiamo dare tempo di inserirsi, sono ragazzi disponibili che faranno sicuramente bene. Raccomando a tutti di avere equilibrio nelle vittorie e nelle sconfitte. Da oggi pensiamo al Pachino che rispettiamo molto anche se lo abbiamo già battuto due volte in Coppa».

E´ successo domenica:
Atletico Gela- Ragusa:1-0
Marcatore Pira al 24´st

Ragusa :Cavone, Cicero, Milazzo, Bennardo (2´st Pecorari), Puglisi, Nigro, Valerio, Licastri, Buccheri, Sansan, La Rosa. A disp. Capocasale, Di Pasquale, Gennaro, Tumino, Vicari, Iapichino. All. Utro

Arbitro: Toro di Catania


Primo boccone amaro per il Ragusa (nella foto: la formazione). La sconfitta arriva dal "Presti" dove gli azzurri prima mancano un paio di buone occasioni e poi subiscono il gol che decide la gara. Peccato perchè gli uomini di Utro avevano retto le offensive dei locali nel primo tempo controllando il gioco con agilità. Utro ha blindato la difesa coni nuovi Puglisi e Nigro e con Milazzo a supporto ma non è bastato.A centrocampo esordio di Ronny Valerio, appena arrivato dal Modica.

Nel secondo tempo al 16´ Vicari, entrato al posto di Sansan, tocca debole di testa da ottima posizione e Di Martino para sicuro. Al 19´ si fa pericoloso il Gela con Famà che su calcio d´angolo manca l´aggancio di testa sotto rete. Al 24´ il gol di Pira che trafigge Cavone. Il Ragusa accusa il colpo e non riesce a reagire mentre il Gela si fa sotto. Il Ragusa cerca di pressare nei 5´ di recupero ma l´Atletico tiene e porta a casa i tre punti restando a punteggio pieno in testa alla classifica.

Deluso Salvatore Utro: "Partita decisa da un episodio. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. L´infortunio di Bennardo ha un po´ scombussolato i nostri piani. Ma a parte il gol, venuto in maniera davvero occasionale, non mi pare che poi il nostro portiere sia dovuto intervenire così tante volte. La sconfitta la annoveriamo tra gli incidenti di percorso. E meno male che è arrivato solo alla seconda giornata".