Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1303
RAGUSA - 09/09/2014
Sport - Calcio, Promozione: la vittoria contro il Valverde infonde fiducia nel clan azzurro

Utro: "Ragusa bene così, guardiamo avanti e non molliamo"

Il vicepresidente Ettore Tuccitto chiede maggiore sostegno da parte del pubblico Foto Corrierediragusa.it

Salvatore Utro (nella foto) si gode la prima vittoria ed i primi gol. Potevano essere molti di più, ma basta accontentarsi. Dice il tecnico azzurro: "Sono soddisfatto, abbiamo creato tante occasioni, siamo arrivati vicini al gol diverse volte, segno che la squadra ha lottato e ha messo in pratica quello che facciamo durante la settimana. Siamo stati anche bravi a non innervosirci, quando il risultato non si sbloccava e a continuare a giocare come sappiamo. Bene così, ora pensiamo già all’Atletico Gela». Utro non molla ed ha infuso il suo carattere ai suoi uomini anche perchè in Promozione non si può andare tanto per il sottile. Bisogna rispondere botta su botta e non mollare.

Lo ammette Roberto Pecorari che ha segnato il suo primo gol ufficiale: "Abbiamo giocato veramente bene, ci siamo calati alla perfezione nella mentalità del mister. Se continuiamo così, se continueremo ad «assomigliare» al nostro tecnico e andremo molto lontano». Troppo presto per dire dove può arrivare questo Ragusa. Le forze in campo ancora non sono molto bene delineate anche se il Gela fa paura. Non solo per la forza della squadra ma anche per il sostegno del suo pubblico. Al "Presti" c´erano due mila persone sulle tribune, al "Campo" invece solo 200. E questo, a parità di forze, può diventare il fattore decisivo.

Non a caso il vicepresidente Ettore Tuccitto lancia un appello agli sportivi ragusani: "Questi ragazzi meritano tantissimo e meritano che la città si stringa attorno a loro. Speriamo che la risposta del pubblico sia sempre migliore nelle prossime partite, anche grazie a quello che questa squadra farà vedere sul campo".

E´ successo domenica:
Ragusa-Valverde: 2-0
Marcatori: 19´ st Pecorari, 44´ st Nigro su rigore


Ragusa: Cavone, Cicero, Milazzo, Bennardo, Dipasquale, Nigro, Bucchieri, Li Castri, Vicari (dal 80’ Licitra), Sansan, Pecorari (dal 75’ Larosa)

Valverde: Romeo, Torre, De Pietro (dal 65’ Cristaldi), Piras, Beltempo, Musumeci, Marchese, Foti (dal 80’ Cantorena), Bertolo, Tomaselli, Mollica.

Arbitro: Campisi Giuseppe di Siracusa

Il Ragusa asfalta il Valverde al di là di quanto possa dire il risultato. Due i gol realizzati ma almeno una mezza dozzina quelli mancati dagli azzurri sia perla bravura di romeo sia per l´imprecisione degli attaccanti con menzione speciale per l´ivoriano Sansan. Il pubblico ha gradito l´impegno e la dedizione della squadra alla causa e l´esordio casalingo non poteva essere dei migliori. Il tecnico Utro presenta la formazione base, con un 4-3-3 molto duttile con il tridente avanzato formato da Sansan e Pecorari sugli esterni e Vicari al centro.

Fin dal 1´ girandola occasioni per il Ragusa. Bennardo ha sul destro il gol del vantaggio ma calcia malamente, sulla traiettora arriva Sansan che spreca malamente. Vicari prova in acrobazia trovando sulla sua strada un ottimo Romeo. Ancora Sansan che salta gli avversari come birilli ma non ha la freddezza di concludere. Si va al riposo sul risultato, magro, di parità: 0 a 0, nonostante sei nitide palle gol per gli azzurri. Il gioco è fluido e Li Castri imposta a centrocampo. Il Valverde non si vede dalle parti di Cavone che passa un pomeriggio tranquillo. Nigro è una diga e guida i suoi giovani compagni della difesa.

La gara si sblocca nella ripresa al 19´. Li Catri pennella una punizione conquista da Sansan e pesca con un preciso traversone Pecorari che stacca e mette in gol. Il Ragusa non si ferma ed insite ma non trova la via del gol. Il raddoppio arriva ad 1´ dal termine ed è La Rosa, subentrato a Pecorari, a procurarsi il rigore che Nigro trasforma tra gli applausi del pubblico.